Home / Vicolo / Curcio ospite del centro sociale di corso Regina, un’offesa per Torino

Curcio ospite del centro sociale di corso Regina, un’offesa per Torino

RENATO CURCIO, FONDATORE DELLE BRIGATE ROSSE, OSPITE DI ASKATASUNA.
UNA INACCETTABILE OFFESA PER TORINO.
 

A Torino città gli anni di piombo hanno lasciato 20 morti e centinaia di attentati. Questi numeri dovrebbero essere impressi, insieme ai nomi delle vittime, nella memoria collettiva della città. Evidentemente non è così per tutti. 

Solo questo può spiegare come sia possibile che, per “festeggiare” i 20 anni dell’occupazione illegale del centro sociale Askatasuna, un luogo nel quale si teorizza e pratica la violenza politica e l’azione diretta contro le istituzioni e le leggi dello Stato, possa essere invitato a presentare il proprio libro Renato Curcio leader, mai pentito ne dissociato, delle Brigate Rosse.

Una sfida e uno sberleffo inaccettabile per Torino, per le famiglie dei morti (chissà cosa ne pensa Giovanni Berardi figlio del Maresciallo Berardi e Presidente Europeo dell’associazione Vittime del Terrorismo). Sono almeno 10 anni che si chiede che quel centro sociale venga sgomberato e che si ponga fine all’attività di propaganda e pratica violenta condotta da questi signori. 

Oggi si chiede alle Istituzioni (Sindaco, Presidente della Regione, Prefetto), alle forze politiche e sindacali e ai torinesi che non dimenticano di dire no alla presenza di Curcio sabato 26 novembre a Torino.
La memoria di quegli anni è un patrimonio prezioso che qualcuno vuole colpire e offendere. Io dico no.

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Revisionismo: o tutto o niente. E comunque non sul suolo pubblico

Il comune di Torino ha accordato la concessione di uno spazio pubblico ad Eric Gobetti, …