Home / Vicolo / Salvini davanti al TAR si scaglia contro la sentenza “salva-Chiamparino” (VIDEO)

Salvini davanti al TAR si scaglia contro la sentenza “salva-Chiamparino” (VIDEO)

Condividi quest'articolo su -->

La protesta contro il Tribunale Amministrativo Regionale del Piemonte che ha salvato Chiamparino nonostante la riconosciuta presenza di firme false nelle liste per la candidatura dell’ex sindaco torinese. Toni accesi: Benvenuto parla di “sentenza porcata”, Borghezio di “facce di merda del Pd“.

TORINO – In una giornata afosa, un tardo pomeriggio di un giovedì lavorativo, si palesa come un successo la manifestazione della Lega, con la partecipazione di Sovranità. Uno degli organizzatori, il consigliere regionale Alessandro Benvenuto, ha dichiarato: “sono soddisfatto della partecipazione e della risposta della gente, nonostante il caldo opprimente e la giornata lavorativa.

I partecipanti hanno voluto fermamente manifestare contro un’ingiustizia palese e contro il meccanismo dei due pesi e due misure operato dalla Corte amministrativa“.

Sul palco, tra i politici che hanno preso la parola si annoverano il capogruppo regionale del Carroccio Gianna Gancia, Mario Borghezio, Alessandro Benvenuto, Roberto Cota e Matteo Salvini. L’ex governatore Roberto Cota si è speso con parole più tecniche per dimostrare la diversità di trattamento, ma anche di situazione, rispetto a quella che ha dato origine alla caduta della sua giunta.

Cota ha spiegato come sia molto più grave la irregolarità contestata a Chiamparino, con firme false annesse alla lista del presidente stesso. Nel caso delle elezioni del 2010, ultime elezioni definite da Cota come “libere”, invece, le irregolarità sarebbero state ravvisate soltanto in una lista collegata (lista pensionati).

Abbiamo ripreso gli interventi di Borghezio, Benvenuto e Salvini.

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Gli italiani che odiano i runners sono solo tanti piccoli Fantozzi

L’odio che si è scatenato contro gli sportivi (chiamati inspiegabilmente “runners“) ricorda molto da vicino …