Home / Sette Note / Ma che uomo sei? Grida no al femminicidio

Ma che uomo sei? Grida no al femminicidio

Condividi quest'articolo su -->

E’ stato un grido silenzioso per troppo tempo, donne vittime di violenze avvenute dentro e fuori dalle mura domestiche che in silenzio portano segni che rimarranno tracce indelebili nelle loro vite non fisiche, ma morali.
Purtroppo però c’è chi non farà i conti con il suo futuro oscurato da tale episodio, perchè quella violenza portata all’estremo ne ha causato la morte.
In Italia di questi casi nel 2013 c’è ne sono stati 128, un numero senza dubbio significativo che, se unito ai casi di femminicidio avvenuti dal 2000 al 2012 – dove casi di uccisioni sono 2220 in totale -, fa comprendere come non si può stare inermi davanti a questo fenomeno.
La mancanza di un centro ufficiale di raccolta dati, in questo momento è l’associazione Casa delle Donne di Bologna ad essere l’unico riferimento, porta ad avere dati contrastanti; infatti se per un verso è aumentato il numero degli omicidi di donne dall’altro Linda Laura Sabbadini, direttrice del dipartimento per le statistiche sociali e ambientali dell’Istat affermerebbe che il numero di donne uccise per violenze da parte di uomini legati ad esse sentimentalmente sarebbe stabile, ma in aumento la percentuale di donne uccise sul totale degli omicidi.
Indubbiamente nel corso degli ultimi anni sono stati fatti dei passi avanti con la creazione di una legge che tuteli le vittime di stalking, ma spesso la mancata rapidità di intervento o la mancanza di prove sufficienti conduce queste donne a vedersi protagoniste delle loro paure che prendo concretezza nella realtà.
Quindi se le istituzioni sembrano non occuparsi a dovere di questo fenomeno, deve essere la voce di chi lo Stato lo compone a farsi sentire. In una piccola cittadina della provincia di Enna l’associazione Donna Insieme e Valguarnera in Arte hanno collaborato per la realizzazione di un video che renda chiaro che bisogna dire basta e che al di là del sesso dobbiamo essere tutti pronti a dire “no” a questo fenomeno.
Vi proponiamo di seguito il video realizzato da F. Piazza con musica di C. Lazzara sicuri che saprà essere più eloquente di mille parole.

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Le regole del successo di X-Factor: tante visualizzazioni e poca arte

Se per successo si intende omologazione, monotonia e commercializzazione della musica, allora X-Factor è il …