Home / L’Elzeviro (pagina 4)

L’Elzeviro

Si scrive lockdown, si legge “arresti domiciliari”

Si scrive lockdown, si legge “arresti domiciliari”. O, se preferite, reclusione imposta dal potere. Che la giustifica, com’è evidente, con la questione dell’emergenza. di Diego Fusaro Lockdown, però, suona cool: come sempre avviene con il nuovo latinorum, l’inglese dei mercati finanziari, acquista un tono insieme cool e autorevole. Cool, perché …

Leggi tutto »

Fase due: gli anziani diventano i nuovi ebrei

Per la cosiddetta ‘fase due’ si profila una discriminazione a danno degli anziani (anche se i sostenitori di tale discriminazione sostengono che sia a favore). di Massimo Fini Jean- François Delfraissy, consulente scientifico del presidente francese Macron, lo ha detto a chiare lettere: Il Paese va riaperto, ma anche nelle …

Leggi tutto »

Luis Sepulveda: il poeta combattente

Una vita intensa, quella dello scrittore cileno, stroncata dal Covid-19. Notizia, di qualche giorno fa, che sconvolge l’intero mondo della cultura mondiale che deve rinunciare ad un suo grande pilastro. Ma qual è l’eredità culturale ed umana lasciata e dalla quale possiamo imparare? Luis Sepulveda, dopo una vita a combattere …

Leggi tutto »

Noi occidentali ridotti ad “eunuchi”

Quello che è venuto a mancare in Occidente (la cui cultura ha ormai infettato anche civiltà millenarie ad esso lontanissime e con una visione dell’essere e della sua ragione di esistere quasi diametralmente opposta alla nostra, come la cinese) è il coraggio. di Massimo Fini Durante la Seconda guerra mondiale …

Leggi tutto »

Si salveranno i disconnessi

La pandemia di Coronavirus rischia di essere non solo la pietra tombale sul frenetico mondo occidentale, ma anche l’anticipazione del mondo che verrà. Un cambiamento che, inevitabilmente, finirà per abbattere il mito della crescita e premierà i “disconnessi”. di Massimo Fini Quello che si respira nell’aria non è solo il …

Leggi tutto »

Altro che “guerra”, il Covid-19 è peggio

Le Autorità ci dicono: “Pazientate, è come essere in guerra”. No: è molto peggio. A Milano, pur martellata dalle “fortezze volanti” americane e dai bombardieri inglesi, si poteva uscire di casa non solo, prendendo il tram, per lavoro, ma per incontrare un conoscente, recarsi al cinema, riunirsi con gli amici …

Leggi tutto »