Home / L’Elzeviro (pagina 2)

L’Elzeviro

Lunedì Asia Bibi rischia l’esecuzione, nel silenzio delle Nazioni Unite

Dopo otto anni di isolamento, la cristiana Asia Bibi rischia l’esecuzione capitale per un bicchier d’acqua. Una condanna basata su evidenti motivi di discriminazione. Le Nazioni Unite e l’ignavo Occidente stanno a guardare, solidalmente conniventi, la crudeltà del Pakistan. Nella giornata di oggi Asia Bibi ha l’ultima possibilità di dimostrare …

Leggi tutto »

Lettera di un italiano in Svizzera

Sono un italiano: fin qui, nessuna colpa. Appartengono alla “classe 1984”: nemmeno questa una colpa. Una “sfiga” forse si: quella di appartenere ad una generazione di mezzo, quella generazione “Y” nata a cavallo tra gli anni ’80 e ‘90: né “figli dei fiori” (per lo più “figli di papà” in …

Leggi tutto »

Come Sky sta uccidendo il calcio (e lo sport)

Sport e mercato sono due concetti incompatibili per natura. Per questo motivo quando vengono a contatto generano contraddizioni che vanno a danno dei valori meno materiali e più emotivi. E lo sport, nutrendosi di emotività, rimane, purtroppo, la parte costantemente lesa di questa pugna. Come qualsiasi conflitto anche quello tra …

Leggi tutto »

Il significato di Starbucks in Italia

L’approdo della catena di Seattle nel nostro paese rappresenta il culmine del processo di imposizione di un differente modello gastronomico, ma soprattutto economico. Potremmo disquisire per ore sull’evidente superiorità aromatica e sensoriale di un espresso, o di un macchiato in tazza piccola, servito in un tradizionale bar italiano, rispetto ad …

Leggi tutto »

Commemorazioni senz’anima

Come ogni 11 Settembre, si ripropone l’infantile faida circense tra chi preferisce ricordare gli attentati di New York e chi il golpe cileno. In ambedue i casi, non senza lacune o contraddizioni. Omaggiare Salvador Allende, dal nostro punto di vista, rappresenta un gesto legittimo e doveroso, non tanto per la …

Leggi tutto »

Quel ringhio LGBT contro il papa è (quantomeno) inopportuno

L’omosessualità è nuovamente un tabù, ma per motivi diametralmente opposti rispetto a quelli di qualche decennio fa. Non si può dire nulla senza aver paura di essere fraintesi. Comprensibilissima la lotta contro l’omofobia, che bisogna condannare, ma bisognerebbe condannare anche la tendenza opposta, ossia l’eccessivo buonismo nei confronti dell’argomento. Se è vero che l’omosessualità …

Leggi tutto »