Home / L'Elzeviro / L’Espresso “confonde” suprematismo con sovranismo. Ed è gravissimo

L’Espresso “confonde” suprematismo con sovranismo. Ed è gravissimo

[Fotomontaggio ironico]

Che uno dei periodici del secondo gruppo editoriale italiano si esprima senza mezzi termini ingenerando una assimilazione tra sovranismo e suprematismo (bianco) è qualcosa che, prima di eventuali profili di illegalità, serba un errore concettuale, una misconcezione (volendo piegarsi agli anglicismi tanto in voga) tanto azzardata quanto pericolosa.

Image result for l'espressoL’articolo, a firma di un tal Giuseppe Genna, è intitolato:

Ma quale sovranismo: cominciamo a chiamarlo nazismo

Già di per sé, da mettersi le mani nei capelli per il paragone assurdo tra certi comportamenti terroristici a cui si riferisce l’autore e il nazismo, entità criminale certo, ma totalmente istituzionale. Sul paragone del nazismo con il sovranismo, cioè con quella politica che in Europa si appresta ad essere la prima entro pochi mesi, e che già è prioritaria nel nostro paese, poi, non c’è niente da dire. L’approssimazione e la fakenews sono presto servite.

Nel corpo dell’articolo sono riportati quei personaggi, squilibrati e terroristi, come Breivik o Tarrant, l’assassino di Christchurch. Persone che si rifanno all’ideologia del white power  e della cosiddetta supremazia bianca.

Problema:

dopo poche righe Giuseppe trasforma il suprematista bianco in “sovranista bianco”.

Risaputo è ormai come la stampa mainstream sia schierata in modo massiccio, forse unanime, nei confronti della concezione liberaldemocratica che accorpa le esternazioni parlamentari di natura berlusconiana e piddina, sostenendole in modo gagliardo in chiave antigovernativa.

Giuseppe però va qui oltre i limiti del consentito, propagandando un accostamento inaccettabile, illegale, oltre ogni decenza e – naturalmente – totalmente scevro di qualsivoglia onestà intellettuale. Già l’assimilazione della compagine governativa tutta a una formazione sovranista “governo sovranista” non è giusta, sicché solo la composizione più ristretta del governo, quella verde, si definisce agevolmente sovranista. Non così il Movimento Cinque Stelle.

Il diabolico meccanismo

Related image
KKK e suprematisti/nazisti in America.

susseguente è quello che equipara il sovranista al suprematista e al nazista. Si sa bene come la macchinazione del vocabolario e della semantica sia in uso da parte della narrazione politica dominante (ricordate Macron che recentemente voleva – in uno dei suoi deliri da Maria Antonietta – unire i significati di antisionista e antisemita?).

Qui però giornalista e direttore dovrebbero rettificare e chiedere scusa, perché è difficile che la “confusione” sia davvero tale. Si pena che non ci sia proprio niente di sbagliato, nessun errore nella mente di chi sta a discettare ore ed ore sul linguaggio più “politicamente corretto” possibile. Questo è quello che intendevano. Prendiamo nota. Se tutti i quotidiani d’Italia sono oggi letti da meno dell’1% della popolazione. Un motivo, alla fin fine, ci sarà.

Vediamo cosa dice la Treccani sul sovranismo:

Posizione politica che propugna la difesa o la riconquista della sovranità nazionale da parte di un popolo o di uno Stato, in antitesi alle dinamiche della globalizzazione e in contrapposizione alle politiche sovranazionali di concertazione

Il suprematismo bianco è invece – come noto – quell’aggrumarsi di fanatici ritrovatisi sul web e molto diffusi negli Stati del Sud degli USA, dove regnano razzismo ed ignoranza, e che propugna, tra le altre odiose ideologie, quella antisemita.

Leggi anche:

La Lega e la Russia: l’ennesima inchiesta fuffa de L’espresso

L’infantilismo de L’Espresso

La Polizia del pensiero di Macron vuole includere l’antisionismo nella definizione di antisemitismo

“Italiano, sei un razzista”, così ci etichetta l’Espresso

Cerca ancora

“Soros è un imprenditore filantropo”, adesso Mentana sta esagerando

La nuova avventura editoriale di Enrico Mentana, il giornale Open, è stato da noi oggetto …