Home / L'Elzeviro / Le cause e le conseguenze più probabili della comparsa del Coronavirus

Le cause e le conseguenze più probabili della comparsa del Coronavirus

Condividi quest'articolo su -->

I casi di coronavirus stanno continuando ad aumentare poiché i Paesi più ricchi del mondo, per cambiare, sopportano il peso maggiore di una grave malattia infettiva.

di Shane Quinn

Ancora una volta è la maggior parte delle popolazioni che soffrirà davvero, poiché le multinazionali e i centri del potere cercano di consolidare la loro ricchezza e influenza.

Il numero di infezioni ufficiali in tutto il mondo dovrebbe superare i 700.000 casi, con un aumento di circa mezzo milione di casi in due settimane. Più di 30.000 persone sono morte finora. Il Paese più potente di tutti, l’America, ha comodamente il più alto numero di infezioni al mondo, con oltre 120.000 ed in aumento.

Più di 19.000 nuovi casi

da soli sono stati rilevati in America il 28 marzo 2020, un aumento giornaliero record, che batte i 18.000 nuovi casi registrati il giorno prima. New York detiene quasi la metà di tutte le diagnosi riportate a livello nazionale. Oltre 140.000 persone in tutto il mondo sono guarite dal coronavirus.

Le statistiche reali in America potrebbero essere molto più elevate e vi è ogni evidenza che molte decine di migliaia di nuovi rilevamenti di coronavirus si verificheranno nel Paese nelle prossime settimane. Con una popolazione inferiore a un quarto di quella cinese, gli Stati Uniti stanno già soffrendo molto di più per questa malattia rispetto al loro principale rivale nell’arena mondiale.

I positivi al Coronavirus negli Stati Uniti, raggruppati in un parcheggio.

Il coronavirus colpirà duramente la popolazione americana

a causa del fatto che il Paese è dominato in modo insolito da una ricchezza estrema, che è aumentata in particolare durante l’era neoliberista. Il sistema sanitario americano, progettato per i benestanti, non è organizzato nemmeno remotamente per gestire una malattia altamente infettiva che si sta rivelando difficile da sradicare.

Le ragioni più probabili alla base dello sviluppo del coronavirus sono dovute ai seguenti fattori: produzione globale di carne su scala industriale e il suo enorme uso di antibiotici, combinato con i continui attacchi dell’umanità agli ecosistemi planetari, poiché si verifica una più stretta interazione tra miliardi di persone, il loro bestiame e animali selvatici, che sono tutti potenziali portatori di malattie infettive sia vecchie che nuove. Su questo, c’è un’abbondanza di ricerche scientifiche e prove.

È una tempesta perfetta che si sta preparando

un terreno fertile in cui si possono diffondere malattie contagiose. L’arrivo di una malattia come il coronavirus è stata inevitabile. Non è un caso soprattutto nelle generazioni passate, con l’aumentare del tasso di distruzione ambientale, che siano sorte tante malattie diverse in tutto il pianeta.

Tra le cause meno probabili alla base dell’emergere del coronavirus, vi è quella di impianti deliberati in Paesi da parte di persone o attraverso la guerra biologica / chimica da parte di poteri ostili. Considerando il record molto dannoso dell’America post-1945 in materia di politica estera, il dito accusatore è stato puntato fin dall’inizio contro Washington, come ad esempio hanno fatto i governi cinese o iraniano. In questi casi, semplicemente non ci sono prove a sostegno delle loro accuse.

Le lamentele di Pechino e Teheran

sono almeno comprensibili, se si dà una breve occhiata all’ostilità americana, in particolare un noto incidente che potrebbe aver distrutto il mondo. Washington ha tutta una storia nell’impiantare malattie biologiche e infestazioni all’interno dei confini di nemici designati, come Cuba, insieme all’attuazione di invasioni e campagne terroristiche. Queste azioni malevoli hanno svolto un ruolo di primo piano, provocando la crisi dei missili cubani nell’ottobre 1962.

Nell’agosto 1962, il presidente John F. Kennedy decise formalmente di intensificare gli attacchi terroristici di Washington contro Cuba (Operazione Mangusta), con attacchi che si verificarono da allora in poi e anche durante la stessa crisi missilistica due mesi dopo – che l’amministrazione Kennedy si aspettava sarebbe culminata in una grande invasione americana di Cuba, nell’ottobre 1962.

L’autrice e storica americana, Aviva Chomsky

ha rivelato della crisi missilistica cubana che:

In effetti i principali attori negli Stati Uniti emergono come più spericolati che eroici… molte delle affermazioni fatte dai sovietici e dai cubani, precedentemente negate da fonti statunitensi, si sono rivelate vere. I cubani temevano un’altra invasione degli Stati Uniti e i piani per tale invasione erano effettivamente in cantiere. La capacità nucleare sovietica era in effetti molto indietro rispetto a ciò che gli Stati Uniti avevano sviluppato.

Aviva Chomsky scrive inoltre:

Lo scopo sovietico di piazzare missili a Cuba era di affrontare minacce reali: difendere Cuba dagli attacchi degli Stati Uniti e rispondere al vantaggio nucleare strategico e politico globale detenuto dagli Stati Uniti… Nonostante le promesse, gli Stati Uniti hanno rifiutato di accettare la supervisione internazionale sul loro impegno di non intervento e, di fatto, i piani statunitensi per rovesciare il governo cubano hanno continuato senza sosta

e nota che, per l’umanità,

Il baratro era molto più vicino di quanto il pubblico in quel momento, o in seguito gli storici, avessero realizzato”.

Il presidente Kennedy

ha successivamente informato i suoi consiglieri che “il nostro obiettivo è preservare il nostro diritto di invadere Cuba”, rompendo tutte le promesse fatte [e dimostrando] che l’amministrazione Kennedy non aveva nessuna intenzione di mantenerle.

Alla luce di esempi come questo, è facile entrare in empatia con i governi cinese e iraniano e sentirsi paranoici. Questi due Paesi sono già sottoposti a regolari intimidazioni da parte del potere economico e militare statunitense.

Concentrandosi nuovamente sul coronavirus, con la diffusione della malattia in quasi tutti i Paesi del mondo, secondo quanto riferito, il virus ha assunto due ceppi leggermente diversi (“tipo L” e “tipo S”), come hanno evidenziato gli esperti medici e biologici. Non è ancora chiaro se un ceppo del coronavirus sia più grave dell’altro, ma i ceppi attuali rilevati sono quasi identici.

Erik Volz, un epidemiologo dell’Imperial College di Londra

ha detto del coronavirus all’inizio di marzo:

Penso che sia un dato di fatto che ci siano due ceppi. È normale che i virus subiscano un’evoluzione quando vengono trasmessi ad un nuovo ospite.

Le osservazioni di Volz sono supportate da Ravinder Kanda, un docente senior di genomica evolutiva ad Oxford, che ha commentato all’inizio di questo mese che

sembrano esserci due diversi ceppi. Il tipo L potrebbe essere più aggressivo nel trasmettere sé stesso, ma non abbiamo ancora idea di come questi cambiamenti genetici sottostanti saranno correlati alla gravità della malattia.

Malattie come il coronavirus

sono particolarmente inclini a mutazioni rapide, anche su base individuale, come hanno notato gli analisti scientifici. Non c’è nulla di sinistro o insolito in un diverso ceppo di questa malattia che si verifica in Paesi a migliaia di miglia di distanza, come l’Italia e la Cina. Non c’è nulla di strano nemmeno riguardo ad un ceppo separato che si stia sviluppando attraverso le Nazioni vicine alle coste cinesi.

Il fatto che l’Italia e l’America possano contenere la stessa varietà di virus, non significa affatto che un tale ceppo sia stato impiantato o diffuso dagli Stati Uniti in Europa. Ancora una volta non ci sono prove a supporto delle accuse alla base delle circostanze critiche nello sviluppo di questo virus. Tali riflessioni valgono come mera speculazione, in particolare se non supportate da studi condotti da professionisti del settore.

Uno degli sviluppi centrali

fino ad oggi del coronavirus è che ha attaccato in modo molto grave alcuni dei Paesi più ricchi del mondo e, soprattutto, le maggiori mete turistiche del pianeta: Francia, America, Germania, Italia e Spagna. Questo indica molto.

La Francia è il Paese più visitato al mondo, seguito da Spagna e America, con Italia e Germania vicine. Sono tra le Nazioni più colpite dal coronavirus sin dai suoi primi stadi e sicuramente non è una coincidenza. Né è una coincidenza che, allo stato attuale, quei Paesi chiusi al mondo siano praticamente sfuggiti alla malattia come: Libia (1 caso), Siria (5 casi), Laos (6 casi) e Myanmar (8 casi).

È molto probabile che il coronavirus

sia stato diffuso in tutto il mondo, principalmente come conseguenza dei viaggi aerei relativi all’industria turistica. Ciò è particolarmente vero in un’era di globalizzazione senza precedenti, poiché le persone sono spostate in ogni direzione a decine di milioni ogni mese. È responsabile per la notevole rapidità dell’espansione del coronavirus e la comparsa della malattia in decine di Paesi a un livello apparentemente simultaneo.

Nel 2019 il numero di turisti in tutto il mondo ha raggiunto il record di 1,5 miliardi, quasi il 20% dell’intera popolazione umana. Dall’inizio del 2020, il coronavirus si è diffuso così rapidamente perché milioni e milioni di persone sono arrivate alle destinazioni turistiche sopra menzionate e, al ritorno da tali luoghi, nei loro Paesi di origine.

Inoltre, è impossibile analizzare ogni persona che passa attraverso un aeroporto, al fine di giudicare se in quel momento fosse stata infettata dalla malattia. I sintomi non si manifestano immediatamente e sono evidenti solo in seguito.

Non si può stimare adeguatamente come si è evoluta questa malattia, come si è diffusa, quale ceppo si è sviluppato dove, attraverso quali Paesi, ecc. Tuttavia è possibile esaminare le cause più probabili dello sviluppo di malattie infettive, sulla base di un’ampia ricerca scientifica.

Passengers make their way past long lines at a ticket counter at Hartfield-Jackson Atlanta International Airport, Monday, Dec. 18, 2017, in Atlanta. Power has been restored at the airport after a Sunday blackout caused by a fire stranded thousands of passengers and grounded at least 1,500 flights. (AP Photo John Amis)

Dall’inizio degli anni ’50 fino ad oggi

gli esseri umani si sono sempre più avvicinati all’habitat di animali, uccelli, insetti, ecc., ognuno dei quali può concepibilmente portare malattie mortali, come hanno fatto in passato. Una tale malattia potrebbe diffondersi da creature selvatiche, che di solito hanno costituzioni forti, a maiali o mucche vulnerabili, che a loro volta possono trasmettere la malattia alle persone.

Analizzando la diffusione di malattie potenzialmente letali, possiamo esaminare il problema della produzione industriale di carne e la sua dipendenza dall’uso di antibiotici. Questo problema è in effetti così significativo che può essere superato a livello di minaccia globale solo dalle armi nucleari e dalla crisi climatica.

Innumerevoli milioni di animali domestici

vengono raggruppati in condizioni interne terribili e, per prevenire la circolazione delle malattie, vengono riempiti di antibiotici. L’uso senza fine degli antibiotici sta distruggendo la loro efficacia e sta creando batteri mutanti e resistenti ai farmaci. L’arrivo di batteri pericolosi può costituire una base per l’affermarsi di nuove malattie contagiose. L’abuso di antibiotici sta rendendo meno efficace la somministrazione di questi farmaci anche nel trattamento delle malattie umane.

Gli antibiotici inducono un aumento di peso artificiale in specie come i polli, che è un’altra ragione per il loro uso. Gli antibiotici sono fortemente sostenuti dalle multinazionali, che dipendono dall’industria della carne per mantenere i loro alti livelli di profitto, come i rivenditori di fast food McDonald’s e KFC.

Allo stesso modo, le grandi industrie farmaceutiche traggono enormi benefici dalla produzione di carne e raccolgono circa 5 miliardi di dollari ogni anno dalla produzione di antibiotici per il bestiame agricolo. L’industria americana degli antibiotici per animali accumula profitti per circa 2 miliardi di dollari all’anno, mentre il suo equivalente europeo porta a casa 1,25 miliardi di dollari annui.

Il mercato degli antibiotici

nel suo complesso vale 45 miliardi di dollari. I regolamenti, emanati nel tentativo di ridurre gli antibiotici nella lavorazione della carne, sono minati dai lobbisti collegati alle grandi multinazionali farmaceutiche e dei fast food. Ciò che abbiamo qui è una vasta operazione interconnessa dedicata alla raccolta di mega ricchezza e che sta causando danni su larga scala al pianeta. In un’epoca di globalizzazione neoliberista, i governi sono compromessi e si dimostrano impotenti nell’affrontare questi problemi.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) è stata in gran parte cooptata al potere aziendale. Riguardo l’influenza suina di un decennio fa, i ricercatori che consigliavano l’OMS sono stati pagati milioni di euro dall’industria dei vaccini. Un certo numero di persone, provenienti da grandi industrie farmaceutiche, erano presenti nei gruppi di consulenza segreta vicini al direttore generale dell’OMS dell’epoca, Margaret Chan, che si ritirò da questo ruolo nel 2017.

Il prestigioso medico danese Halfdan Mahler, che ha guidato l’OMS per 15 anni, aveva avvertito alla fine del suo mandato nel 1988 che il grande settore farmaceutico “sta rilevando l’OMS”. Le sue osservazioni non furono ascoltate.

 

Traduzione di Costantino Ceoldo

 

 

Leggi anche:

Altro che “guerra”, il Covid-19 è peggio

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

Willy, ucciso da una società che ha distrutto l’ideale di uomo guerriero

Come si può commentare un fatto di cronaca già passato sotto i riflettori di tutti …