Home / L'Elzeviro / Classi per ceto in scuola romana: i frutti avvelenati della competizione

Classi per ceto in scuola romana: i frutti avvelenati della competizione

Condividi quest'articolo su -->

Ha destato un certo scandalo l’auto-presentazione di una scuola di Roma (primaria e secondaria), dove si esplicita che una delle due sedi dell’istituto comprensivo ospiti alunni appartenenti a famiglie del ceto medio-alto, mentre l’altra accoglie alunni di estrazione sociale medio-bassa.

Autore: Andrea Zhok

La novella ministra dell’Istruzione Azzolina ci ha tenuto a far sapere che lei disapprova e che “la scuola dovrebbe sempre operare per favorire l’inclusione“. La dirigente scolastica dell’istituto si è difesa dicendo che si tratta di una “mera descrizione socio-economica del territorio“, dunque di una descrizione assolutamente neutrale e priva di connotazioni valoriali. Siamo ovviamente di fronte ad una sagra della più schietta ipocrisia.+

(Fonte: Huffpost Italia, articolo “Scuola a Roma divide alunni: ‘Qui i figli dell’alta borghesia, lì quelli di estrazione medio-bassa’”)

La ragione per cui la scuola fornisce quel tipo di descrizione alla sua “utenza” è perfettamente coerente con il ruolo assegnato agli istituti scolastici, anche dell’obbligo, da tempo. Ovverosia quello di dare un “servizio alla clientela” che “venga incontro alle loro esigenze” e che consenta alla scuola di figurare come “attrattiva ed efficiente“, in una cornice di “sana competizione” nell’ambito dell’autonomia scolastica.

In sostanza, quella scuola, come la maggioranza delle scuole (tutte quelle che prendono sul serio i desiderata ministeriali) sta “vendendo il proprio prodotto educativo” alle famiglie, e, per essere ambita, fornisce informazioni che altrove vengono magari fornite senza scriverle sul sito, ma informalmente.

La competizione tra plessi scolastici per essere “attrattivi” implica che si forniscano ai genitori informazioni che permettano agli stessi di “scegliere per il meglio”, e ciò, ipocrisie a parte, è perfettamente conforme ai desiderata delle leggi in vigore.

In concreto ciò significa che si produce quella tendenza che caratterizza fatalmente tutti i sistemi a libera competizione, quando non compensati da interventi esogeni: le unità con un vantaggio marginale tendono ad attrarre maggiormente e ciò consente ad esse di migliorare ancora (comparativamente); le unità meno buone, di contro, tendono a pagare la minore attrattività, peggiorando progressivamente l’offerta. L’esito complessivo è una polarizzazione qualitativa.

Di fatto è un segreto di Pulcinella che scuole con un’utenza meno “socialmente qualificata” tendono ad abbassare lo standard di insegnamento.

Ed è pura ipocrisia tacere il fatto che le scuole con un’elevata affluenza di bambini stranieri devono affrontare ostacoli di insegnamento assai superiori, che producono ritardi e approssimazioni nello svolgimento dei programmi. Parimenti, le scuole più qualificate sono anche più attrattive per i docenti, che aspirano di norma al lusso di insegnare, e non di fare qualcosa a metà strada tra il domatore e lo psicoterapeuta.

Tutti queste tendenze si sono esacerbate in maniera nettissima negli ultimi due decenni. Quando i nostri politici si riempiono la bocca di “meritocrazia” rimuovono convenientemente il fatto che bambini educati in scuole di serie B vedranno compromessa la propria capacità di qualificarsi successivamente nello studio superiore e nella formazione lavorativa, replicando ed anzi amplificando le distanze sociali. Le classi scolastiche sono le prove generali delle classi sociali a venire.

Ma naturalmente, siccome in Italia l’unica regola inflessibile in ambito educativo è che, qualunque modifica si faccia, va fatta a costo zero, ne segue che l’attuale situazione di sfacciata ingiustizia classista è migliore delle alternative disponibili.

Infatti, il giorno in cui ad un ministro saltasse in mente di volere “ripristinare l’eguaglianza“, l’unica cosa che saprebbe proporre è una qualche regoletta formalmente “non discriminatoria” che trasformerebbe la formazione delle classi e l’iscrizione alle scuole in una roulette russa, riducendo tutto al comune denominatore del minimo livello erogabile.

La semplice verità è che il sistema attuale potrebbe essere simultaneamente corretto nelle diseguaglianze e migliorato nel suo complesso soltanto attraverso un massiccio afflusso di fondi mirati innanzitutto a porre rimedio alle situazioni più difficili: classi più piccole, interventi di sostegno più frequenti, ore supplementari di lingua, eccetera. Ma tutto ciò, naturalmente, avrebbe un costo, e sarebbe in contraddizione con la logica “meritocratica” che vuole premiare i più attrattivi.

Perciò è assai meno oneroso strillare allo scandalo quando cose note conquistano occasionalmente la prima pagina, salvo lasciare tutto com’era, continuando a sproloquiare di “accoglienza”, “non discriminazione”, “competizione” e “meritocrazia”.

Revisione ed impostazione grafica: Lorenzo Franzoni

Condividi quest'articolo su -->

Di Lorenzo Franzoni

Lorenzo Franzoni
Nato nel 1994 a Castiglione delle Stiviere, mantovano di origine e trentino di adozione, si è laureato dapprima in Filosofia e poi in Scienze Storiche all'Università degli Studi di Trento. Nella sua tesi ha trattato dei rapporti italo-libici e delle azioni internazionali di Gheddafi durante il primo decennio al potere del Rais di Sirte, visti e narrati dai quotidiani italiani. La passione per il giornalismo si è fortificata in questo contesto: ha un'inclinazione per le tematiche di politica interna ed estera, per le questioni culturali in generale e per la macroeconomia. Oltre che con Elzeviro.eu, collabora con il progetto editoriale Oltre la Linea dal 2018 e con InsideOver - progetto de il Giornale - dal 2019.

Cerca ancora

La missione degli antiliberisti contro la politica gossip

Non è che il liberismo usi il gossip; il liberismo “è” il gossip, ossia superficialità, …