Home / In Fuorigioco / Roma: una vittoria che non basta
Logo dell'Europa League

Roma: una vittoria che non basta

 

http://www.gazzetta.it/Calcio/Europa-League/Roma/16-03-2017/europa-league-roma-lione-2-1-francesi-volano-quarti-190117336506.shtml

La Roma vince per 2-1 ma il risultato non basta per ribaltare il 4-2 dell’andata. I transalpini volano ai quarti mentre in Europa ci rimane soltanto la Juve.

Alla Roma non bastano il cuore e la buona volontà: il risultato abbastanza compromettente dell’andata si è dimostrato tale e non c’è stato verso per riaprire la pratica come speravano i quarantamila accorsi all’Olimpico.

Dobbiamo prendere atto che la Roma è stata eliminata. A contribuire all’esito negativo, oltre ad alcune decisioni arbitrali abbastanza discutibili tra cui quella di non concedere il rigore per evidente fallo di mano in area di Tousart, si è messa di mezzo anche la bravura del portiere Lopes capace di tre-quattro interventi prodigiosi che hanno salvato i suoi dall’eliminazione. Iniziano bene come da copione i giallorossi che si avventano sull’area avversaria smaniosi di portare a casa la qualificazione. Infatti Rudiger colpisce subito la traversa seguito a stretto giro di…posta dal colpo di testa di Salah che impegna Lopes nel primo miracolo. Eventi che scaldano gli animi dei tifosi e forse illudono sulle reali possibilità di successo.

Al 12° Lopes si ripete uscendo benissimo sempre sull’accorrente Salah. Ma quattro minuti dopo ecco che arriva la doccia fredda anzi…gelata con il goal del vantaggio francese siglato da Diakhaby bravo a deviare di testa la punizione ben eseguita da Valbuena. A riaprire il match e a ridare fiato alle speranze romaniste ci pensa un minuto dopo Strootman ribadendo in rete la punizione calciata da De Rossi. Al minuto 41 altro doppio miracolo quasi…evangelico, da parte di Lopes che riesce nella stessa circostanza a parare per ben due volte gli altrettanti tentativi ravvicinati di Strootman.

Nel secondo tempo stessa musica con Lopes che, tanto per cambiare, compie l’ennesima paratona della serata dicendo no al colpo di testa quasi a botta sicura di Nainggolan. Spalletti cerca di dare nuova linfa ai suoi mandando in campo El Shaarawy al posto di uno spento Peres e i risultati sembrano subito dare ragione al tecnico giallorosso. Infatti al 15° arriva il meritato vantaggio per un autogoal di Tousard. Ora basterebbe solo un benedetto goal per approdare là dove molti già ponevano la Roma ovvero tra le migliori otto compagini del secondo torneo continentale.

Ma invece del 3-1 per poco non arriva il 2-2 prima con Cornet che, quasi in un rigore in movimento, riesce ad alzare il pallone sopra la traversa, e poi con Tolisso che costringe Alisson a compiere a sua volta un mezzo miracolo sul suo tiro anche questo a botta semi sicura. A quel punto la partita conosce i suoi spasimi finali e lentamente si avvia verso il risultato finale che spegne definitivamente le speranze di avere ancora due squadre a rappresentarci in Europa. Rimane quindi solo la Juve a difendere i nostri colori in Europa e oggi tocchiamo ferro sperando che l’avversario prossimo dei bianconeri sia abbordabile e ci permetta di arrivare almeno a giocarcela con le migliori tre squadre del continente e chissà forse a raggiungere qualcosa di più.

 

Di Roberto Crudelini

Roberto Crudelini
Nato nel 1957. Laureato in Giurisprudenza, ha collaborato con Radio Blu Sat 2000 come autore e sceneggiatore dei Giornali Radio Storici, ha pubblicato "Figli di una lupa minore" con Rubettino, "Veni, vidi, vici" e "Buona notte ai senatori" con Europa Edizioni e "Dai fasti dell' impero all'impero nefasto" con CET: Casa Editrice Torinese. Collabora con Elzeviro.eu fin dalla sua fondazione, nel 2011.

Cerca ancora

Game over!

COMMENTO AL CAMPIONATO L’ultima giornata ha sancito i suoi verdetti definitivi: l’Atalanta in Champion’s insieme …