Home / In Fuorigioco / La Juve rovina il Capodanno al Napoli

La Juve rovina il Capodanno al Napoli

http://www.corrieredellosport.it/calcio/

COMMENTO AL CAMPIONATO

Il Napoli vince a fatica a Crotone ma la Juve reagisce alla grande nella fredda serata del Bentegodi e rimane ad un punto dai campioni d’inverno. Rallentano tutte le altre inseguitrici con la Roma fermata in casa dal Sassuolo e con Inter e Lazio che si annullano reciprocamente. La Samp resiste al sesto posto strappando la vittoria contro una Spal tosta mentre Fiorentina e Milan si spartiscono la posta per non rovinarsi il cenone di capodanno. l’Atalanta perde in casa contro il Cagliari che si riprende quello che arbitri e mala sorte gli avevano tolto in precedenza. Pari scialbo tra Toro e Genoa. Bologna “ucciso” in casa da un’Udinese risorta e in piena ascesa. Prima storica vittoria del Benevento che “mata” il Chievo in casa e sale a quattro punti in classifica.

Il Napoli si aggiudica il titolo platonico di campione d’inverno ma lo fa con il fiato sul collo di una Juve che continua a seguire a ruota e che non molla un centimetro.

La vittoria contro il Crotone è arrivata grazie all’unica disattenzione della difesa avversaria: il goal confezionato da Hamsik lo avrebbe a quel punto realizzato pure un mini esordiente per come è stato semplice semplice. Per il resto il solito Napoli che ormai non sa più dove andare a raschiare energie dal fondo del barile e che, a nostro giudizio, è destinato nella seconda parte del campionato ad una possibile e forse ineluttabile parabola discendente. La Juve ad un solo punto di distanza appare ben più pimpante e con una panchina che ne vale tre di quella messa a disposizione di Sarri che sta già facendo i miracoli con quello che ha.

Il Napoli, diciamola tutta, si basa al novanta per cento sui soliti quattro là davanti che a forza di andare in campo sono ormai spremuti oltre ogni lecito…resta solo da domandarsi fino a quando resisteranno. Troppo facile l’ennesima vittoria dei bianconeri contro un pur volonteroso Verona che nulla o quasi ha potuto per contrastare la corazzata di Allegri. Sul fronte delle inseguitrici si fermano Roma, Inter e Lazio, la prima per colpe sue e per…colpa di un Sassuolo che ha saputo ritrovare contro i giallorossi quell’antica tigna che contraddistingueva le passate stagioni. Giusto l’annullamento dei goal del possibile vantaggio romanista…per la serie…non è sempre festa.

Un pari in bianco ma ricco di emozioni quello tra Inter e Lazio con i laziali vittime dell’ennesimo studio-indagine Var-arbitro-Var che toglie loro l’ennesimo rigore a favore…ci sarebbe da domandarsi cosa sarebbe successo se invece delle maglie biancocelesti sul campo di San Siro ci fossero state quelle azzurre del Napoli ma ovviamente questo è solo un innocente/indecente dubbio…roba da Indovino Tiresia o giù di lì. Per il resto un pari quasi annunciato che ha messo in evidenza come la Lazio manchi ancora di quel cinismo e opportunismo proprio di una grande squadra che riesce a fare punti sfruttando ogni minima occasione e ieri sera di occasioni ce ne sono state a bizzeffe a favore della banda Inzaghi, almeno il doppio di quelle a favore dei nerazzurri. Ma si sa con il senno del poi sono piene le fosse dei rotocalchi e almanacchi del calcio interpretato e rigiocato il day after.

La Samp risorge dalle ceneri delle ultime prestazioni e stende grazie al Quaglia una Spal tutt’altro che arrendevole…Inzaghi e i suoi sono avvertiti per sabato prossimo…per la serie non mangiate troppi panettoni che fanno male. Il Milan continua invece a non risorgere almeno in campionato dove deve accontentarsi e…godere, per quel che conta, del punticino preso e condiviso con la Fiorentina al Franchi. L’undicesimo posto in classifica non è comunque frutto della partita di ieri ma di ben altri problemi pregressi e che continuano ad aleggiare sui cieli un po’ grigi e ferruginosi di Milanello.

L’ODDOnese continua a stupire e a fare punti a valanga, questa volta vittima sacrificale il Bologna di Donadoni mica gli ultimi arrivati, Anche qui la Lazio di Inzaghi è …riavvertita in prospettiva del famigerato recupero del 24 gennaio che ora come ora non pare più così scontato come sembrava…occhio alla penna bianconera ragazzi…occhio! La dea bergamasca viene atterrata proprio a casa sua da un Cagliari troppo sfortunato per essere vero e che all’improvviso si riprende quello che ingiustamente gli era stato tolto da un destino beffardo oltre che dagli arbitri involontari collaboratori di questo fato avverso. Pari senza lode e senza infamia tra il solito Torino e il rinascente Grifone ballardinico. Prima vittoria con tanto di Champagne per il Benevento che a forza di dai e ridai coglie il tanto bramato frutto dei suoi sforzi contro un Chievo un po’ distratto e risucchiato indietro…un po’ troppo indietro rispetto alle sue non disprezzabili capacità e potenzialità.

Di Roberto Crudelini

Roberto Crudelini
Nato nel 1957. Laureato in Giurisprudenza, ha collaborato con Radio Blu Sat 2000 come autore e sceneggiatore dei Giornali Radio Storici, ha pubblicato "Figli di una lupa minore" con Rubettino, "Veni, vidi, vici" e "Buona notte ai senatori" con Europa Edizioni e "Dai fasti dell' impero all'impero nefasto" con CET: Casa Editrice Torinese. Collabora con Elzeviro.eu fin dalla sua fondazione, nel 2011.

Cerca ancora

E’ sempre Juve

COMMENTO AL CAMPIONATO La Juve vince facile in casa con il Chievo nonostante il rigore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici − due =