Home / In Fuorigioco / Attenti a quei tre

Attenti a quei tre

Condividi quest'articolo su -->

COMMENTO AL CAMPIONATO

Milan, Napoli e Roma vincono contro la Juve, la Lazio e il Sassuolo e sono in testa al campionato. Quarta la sorprendente Udinese che vince in Liguria. Inter fermata sul pari dalla Samp. Fiorentina corsara a Bergamo. Resurrezione granata contro la Salernitana. Il Venezia vince il derby salvezza con l’Empoli. Il Genoa si riprende e va a vincere in casa del Cagliari. Stasera Bologna-Verona per qualche sorpresa al vertice.

Il Milan dimostra di essere forse la squadra più in forma del campionato, forse troppo presto come quei corridori che partono sparati allo sparo di pistola ma che poi potrebbero pagare cara con il prosieguo la partenza a razzo.

Contro i rossoneri la Lazio in versione cantiere aperto, non ancora ben entrata, anzi quasi per nulla, nei nuovi schemi sarriani. Sarà pure presto per dirlo, ma qualche dubbio che Sarri forse non ha proprio tutti gli uomini adatti al suo gioco incominciamo un pelino a pensarlo. Con giocatori come Leiva , Acerbi e il pur volonteroso Pedro tutti accomunati dal destino anagrafico di essere più vicini ai trentacinque che ai trenta e quindi dotati di uno scatto non più all’altezza di quello che chiede loro il comandante, è difficile immaginare un gioco tutto pressing, attacco e difesa altissima quasi siderale.

Il Milan ieri andava a cento all’ora, i biancocelesti invece andavano entro i limiti consentiti in città dal codice della strada e un motivo forse ci sarà.

Il Napoli prima fa illudere

la vecchia corazzata di Allegri ma poi con Politano e Koulibaly gliele suona di santa ragione facendo rimanere l’ex squadrone ammazzatutti in piena zona retrocessione, per carità siamo solo alla terza ma fa comunque una certa impressione vedere lor signori a più uno dalla Salernitana. La Roma fa semplicemente il suo contro il Sassuolo mettendoci alla fine sul piatto il figliol prodigo El Shaarawy, quanto basta per continuare a guardare tutti dall’alto in basso.

L’Udinese quatta quatta continua la sua marcia e ora si ritrova in piena zona Champion’s insieme proprio ai nerazzurri che alla fine contro la Samp sono pure costretti a giocare in inferiorità numerica per l’infortunio di Sensi. Bravi i blucerchiati a riacciuffare per ben due volte una partita che sembrava invece segnata dal solito pragmatismo  nerazzurro.

La Fiorentina fa l’impresa delle imprese

andando a vincere nientemeno che a Bergamo contro un’Atalanta che quest’anno contrariamente a quanto molti avevano già scritto sembra aver fatto un passo indietro. Questione forse di abitudine a rimanere a lungo nelle parti alte della classifica con tanto di vertigini da vetta al seguito?

Può anche essere, vedremo se il buon Gasperini riuscirà già a partire dalla trasferta di Salerno a dare finalmente il segnale tanto atteso. Proprio con la Salernitana, forse l’unica squadra per caratteristiche non adatta al massimo campionato, il Toro ritrova per incanto il goal, il gioco, lo spettacolo e la furia dei suoi guerrieri. Attenti però che una rondine non fa quasi mai primavera e ora stiamo andando incontro all’autunno.

Il Venezia si prende i suoi primi tre punti contro l’Empoli dimostrandoci che la lotta per non retrocedere sarà entusiasmante fino all’ultimo, almeno quanto quella per la zona Champion’s. Anche il Genoa, dopo il quasi nulla dei primi due giorni, si prende i suoi primi tre punti con un Cagliari sempre più dimesso e domenica per gli isolani ci sarà una trasferta da codice rosso all’Olimpico contro la Lazio ferita di Sarri.

Questa sera, se il Bologna riuscisse a vincere contro il Verona, ci sarebbe un posto in più tra le zone alte della classifica con relativa sorpresa quasi come quella dei friulani.

Condividi quest'articolo su -->

Di Roberto Crudelini

Roberto Crudelini
Nato nel 1957. Laureato in Giurisprudenza, ha collaborato con Radio Blu Sat 2000 come autore e sceneggiatore dei Giornali Radio Storici, ha pubblicato "Figli di una lupa minore" con Rubettino, "Veni, vidi, vici" e "Buona notte ai senatori" con Europa Edizioni e "Dai fasti dell' impero all'impero nefasto" con CET: Casa Editrice Torinese. Collabora con Elzeviro.eu fin dalla sua fondazione, nel 2011.

Cerca ancora

Vedi il Napoli e poi muori…d’invidia

COMMENTO AL CAMPIONATO Il Napoli trova la quaterna alla Dacia Arena e ora guarda tutti …