Home / In Fuorigioco / La lobby singaporiana falsifica la Serie A, ma l’opinione pubblica punta il dito sui calciatori

La lobby singaporiana falsifica la Serie A, ma l’opinione pubblica punta il dito sui calciatori

Condividi quest'articolo su -->

Non bastavano le ingerenze di Usa e Unione Europea nei nostri affari politico economici, ora l’Italia perde anche la sua sovranità e autodeterminazione sportiva.


Questa mattina è cominciata una vera e propria “caccia alle streghe”, già nell’aria e preannunciata da tempo; il tam tam mediatico non si è fatto attendere e ha subito cominciato a lanciare accuse e sospetti al vento. L’Italia si dichiara paese garantista, ma il suo popolo e i suoi giornali non ne conoscono bene il significato. Il concorso esterno in associazione mediatica ha “arrestato” quest’oggi Stefano Mauri e altri 19 giocatori tra Serie A e Serie B, secondo opinione pubblica e stampa essi sono già tutti colpevoli e sottoposti ad una pena certe e severa.

Peccato, perché i giocatori in realtà hanno subito una misura di custodia cautelare, in merito ad accuse, che per ora rimangono tali, senza alcun grado di sentenza definitiva, legate ad una presunta associazione a delinquere finalizzata a frode sportiva.

Ecco che la massa bruta si unisce all’unisono nel coro inquisitorio: ” Calciatori miliardari e strapagati! Vergognatevi!”.

Purtroppo per l’italiano medio la questione è molto più profonda e noi intendiamo ragionare considerando le persone indagate come nostri simili e non come entità avulse dalla realtà quotidiana. La domanda che ci è sempre sorta spontanea e che ora è suffragata dalle indagini preliminari è ” Perché un professionista sportivo di successo si deve sputtanare la carriera, ne per donne o droga, ma per fare altri soldi?” e soprattutto sapendo che la giustizia italiana, con tutte le lacune che porta in altri ambiti, ha sempre punito con il pugno di ferro l’ambito sportivo.

Semplice: il giro è molto più grosso e i poveri cristi per ora solo indagati sono piccoli pesciolini adescati con chissà quale ricatto da salotti di scommesse internazionali. Sempre secondo le indagini il giro “d’affari” è da far risalire al ridente e capitalistissimo Singapore, da dove un giro di loschi individui, ricchi che neanche possiamo immaginare ( altro che i nostri calciatori!), minaccia magari le famiglie o magari la vita stessa degli sportivi facendo entrare quest’ultimi nei loro biechi interessi materiali.

Ora oltre alla sordità comune ( voluta?) di media e massa ci si mette anche l’assurdità del nostro corpus legi, come la famigerata responsabilità oggettiva delle società.

A nostro parere un’idiozia uscita da chissà quale bocca e purtroppo stampata su carta: le società, o meglio squadre, sono organizzazioni di uomini, idee e storie, talvolta pluricentenarie, che trascendono l’illecito individuale del singolo.

In poche parole se la squadra stessa non è stata fondata con l’intento di delinquere non può e non deve esserci responsabilità oggettiva, anzi questa è assurda e travalica i principi comuni della giusta giustizia.

In ogni caso noi usciamo dalla corrente comune e speriamo vivamente che i calciatori accusati ne escano illesi e che l’indagine porti a galla i pescioni singaporiani.

di Gabriele Tebaldi

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Juve spietata

La Juve si aggiudica con Ronaldo la sfida con una Lazio pallida controfigura di quella …