Home / Guinzaglio / Quattro nuove Unità cinofile da soccorso operative in superficie

Quattro nuove Unità cinofile da soccorso operative in superficie

Domenica 27 u.s. si è svolta  a Massa (MS) una sessione di esami operativi per la ricerca di persone disperse in superficie.

MASSA – Ad essere valutate dai Tecnici Esperti della Federazione Italiana Ricerca e Soccorso , sono state le unità cinofile della “Misericordia San Francesco di Massa”.

La sessione si è svolta, come previsto dal regolamento, in un’area  “sporca“, ossia con varie difficoltà per cane o conduttore, date dalla vegetazione fitta. Il tempo non è stato clemente con i binomi e con i tecnici esperti; infatti durante tutte le prove operative, ha imperversato sulla zona un’intensa pioggia, che ha reso ancor più reale tutta la situazione.

Al termine delle attività quattro unità cinofile hanno ottenuto il brevetto operativo, che da loro la possibilità di poter operare in una ricerca reale.

Risultati immagini per pastore tedesco soccorso

Complimenti quindi ai nuovi binomi operativi ai quali auguriamo buon lavoro.

Il brevetto avrà la durata di un anno, al termine del quale dovrà essere rinnovato.

Ma chi sono e cosa fanno  le unità cinofile da soccorso in superficie?

Sono i binomi, ossia la componente uomo-cane che, una volta ottenuto un brevetto operativo possono essere impiegate per la ricerca di persone, come dice appunto la parola, disperse  in superficie (aree boschive, pianeggianti ecc).

I cani, in questo tipo di ricerca, vengono sganciati dal guinzaglio ed inviati nella zona operativa. Una volta individuata la persona in difficoltà, il cane innesca l’abbaio di segnalazione che manterrà fino a quando il conduttore non lo raggiungerà e lo premierà.

Questo tipo di “lavoro” per il cane è un gioco; infatti lui non sa che sta effettivamente cercando una persona che sta male o nella peggiore delle ipotesi è deceduta, ma lo fa perchè alla fine lui riceve la gratificazione (gioco, cibo ecc).

Esiste poi un’altro tipo di ricerca in superficie, ossia il mantrailing, cosiddetto cane molecolare. Questo tipo di ricerca, a differenza di quella prima descritta, si svolge con il cane vincolato ad un guinzaglione di circa 5 o 6 metri. Qui il cane lavora sull’odore  dell’indumento di una determinata persona.

Di Diego Carbonatto

Diego Carbonatto
Sono istruttore e formatore per unità cinofile da soccorso per la ricerca di persone travolte da macerie e disperse in superficie. Ho svolto un corso di Alta formazione ottenendo la qualifica di Disaster Manager.

Cerca ancora

Quando la natura vince: discarica invasa da centinaia di pulcini (VIDEO)

Pensavano non sarebbero mai nati: diverse centinaia di polletti scorrazzano ora tra i rifiuti di …

Un commento

  1. Freddie

    Grazie alle Unità cinofile da soccorso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × tre =