Home / Guinzaglio / Follia allo zoo di Londra: tigre del Bengala uccisa dall’idiozia umana

Follia allo zoo di Londra: tigre del Bengala uccisa dall’idiozia umana

Nel “migliore dei mondi possibili” succede che un raro esemplare di tigre del Bengala possa morire a causa di sciagurate, e deliberate, scelte umane. 

Malati, il nome della splendida tigre femmina, è stata infatti uccisa dal suo corrispettivo maschio in seguito ad un violento scontro occorso tra i due esemplari.

La tigre

era stata infatti inserita all’interno di un programma che avrebbe dovuto prevedere un accoppiamento forzato per aumentare i numeri di una specie che si sta estinguendo. Invero gli “esperti” hanno ottenuto l’effetto contrario. La scienza e chi la esercita, agisce infatti spesso con la presunzione di avere il controllo totale sulla vita e sui fenomeni naturali. Una simile arroganza ha così portato gli esperti, responsabili dell’accoppiamento delle due tigri, ad affermare che “avevano osservato segnali positivi e ritenuto che era arrivato il momento giusto per mettere in contatto le due tigri”.

Segnali che si sono rivelati completamente distorti, vista la tragica scomparsa della tigre. Tale scelta avventata pesa dunque come un macigno su questa specie di tigre, di cui al mondo se ne conservano ormai meno di 400 esemplari. Episodi del genere dovrebbero far riflettere la comunità scientifica, specializzata nel campo animale, nell’adottare una nuova visione del rapporto tra l’uomo e la zoologia, mettendo in discussione tutte quelle strutture che, come gli zoo, travolgono millenari equilibri naturali.

Di Gabriele Tebaldi

Gabriele Tebaldi
Classe 1990, giornalista pubblicista, collabora con Elzeviro dal 2011, quando la testata ha preso la conformazione attuale. Laurea e master in ambito di scienze politiche e internazionali. Ha vissuto in Palestina, Costa d'Avorio, Tanzania e Tunisia.

Cerca ancora

Quando la natura vince: discarica invasa da centinaia di pulcini (VIDEO)

Pensavano non sarebbero mai nati: diverse centinaia di polletti scorrazzano ora tra i rifiuti di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × due =