Home / Grande schermo / Il Governo censura un video sulla Grande guerra: sarebbe troppo cruento

Il Governo censura un video sulla Grande guerra: sarebbe troppo cruento

La presidenza del Consiglio ha bocciato il video ufficiale del 4 novembre perché troppo incentrato su scene di battaglia.

Lo spot promosso dal ministro della Difesa Elisabetta Trenta, celebrava le Forze armate della Repubblica.

Il 4 novembre non è solo la giornata dell’unità nazionale e la festa delle Forze armate, ma anche la giornata per ricordare la vittoria della Grande guerra.

E quest’anno è un anniversario di emblematica importanza, stanti i 100 anni da quando i soldati italiani si sacrificarono sul Piave.

Il Governo crede forse che l’Italia sia stata unita con girotondi e parate?

Come mai si è deciso di non approvare un film che celebrava le battaglie per l’indipendenza?

La prima guerra mondiale è stata la Quarta, definitiva, guerra d’indipendenza.

“O il Piave o tutti accoppati!”, gridavano i legionari nelle ore più buie, simboli di coraggio e di rivalsa dopo i tragici eventi di Caporetto e le stragi di giovani soldati. Non si può lasciare nell’oblio il sacrificio dei tanti giovani perché una commissioncina di nominati ha definito troppo poco incentrato sui valori di solidarietà e troppo cruento un filmato.

Conte, evita una nuova figuraccia al tuo Esecutivo e ripensaci.

Cerca ancora

Muretti a secco Patrimonio dell’Umanità. Orgoglio per l’Italia

Anche un orologio rotto, due volte al dì, segna l’ora giusta. E l’ora giusta l’ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici − 2 =