Home / Grande schermo / Ritorna il grande cinema all’aperto a Palazzo Reale di Torino

Ritorna il grande cinema all’aperto a Palazzo Reale di Torino

Condividi quest'articolo su -->
Quarta edizione dell’evento estivo organizzato ogni anno da Distretto Cinema
 
TORINO – Anche quest’anno il cinema all’aperto, con i suoi 500 posti a sedere e con un programma ricco di nomi che hanno fatto la storia del cinema, avrà luogo presso il Cortile d’Onore di Palazzo Reale a Torino. La kermesse cinematografica estiva giunge così alla sua quarta edizione e come ogni anno è organizzata da Distretto Cinema in collaborazione con il Comune di Torino, il Museo Nazionale del Cinema e il Ministero dei Beni Culturali. Un’occasione unica per vivere, o anche rivivere anche film già visti, il grande cinema all’aperto nell’atmosfera estiva torinese e tra le storiche mura di Palazzo Reale.
 
La kermesse, dopo l’inaugurazione che si terrà domani presso la Reggia di Venaria con la partecipazione di Sabina Guzzanti e la proiezione del suo film “La trattativa”, avrà ufficialmente inizio da sabato 4 luglio e andrà avanti fino a sabato 29 agosto; una proiezione a serata per un totale di 42 proiezioni che inizieranno tutte a partire dalle ore 22. L’ingresso a pagamento è composto dal prezzo di 5,50 euro per gli interi, 5 euro i ridotti (under 26 e possessori della tessera musei), 4 euro per gli over 65 e sarà anche possibile acquistare un abbonamento di 10 ingressi al prezzo di 40 euro. 
 
Il programma:
 
sabato 4 luglio, Divorzio all’italiana di P. Germi
 
martedì 7 luglio, I quattrocento colpi di F. Truffaut (in lingua originale con sottotitoli in italiano) 
 
mercoledì 8 luglio, Edward mani di forbice di T. Burton
 
giovedì 9 luglio, Roma città aperta di R. Rossellini
 
venerdì 10 luglio, Metropolis di F. Lang
 
sabato 11 luglio, Il Grande dittatore di C. Chaplin
 
domenica 12 luglio, Viale del tramonto di B. Wilder
 
martedì 14 luglio, The artist di M. Hazanavicius
mercoledì 15 luglio, La mia classe di D. Gaglianone
giovedì 16 luglio, Un tram che si chiama desiderio (in lingua originale con sottotitoli in italiano)  di E. Kazan
 
sabato 18 luglio, Scarface di B. De Palma
 
domenica 19 luglio, La Grande Guerra di M. Monicelli
 
martedì 21 luglio, Riso amaro di G. De Santis
 
mercoledì 22 luglio, Il buio oltre la siepe di R. Mulligan
 giovedì 23 luglio, Hiroshima mon amour di A. Resnais (in lingua originale con sottotitoli in italiano)
 
venerdì 24 luglio, La città incantata di H. Miyazaki
 
sabato 25 luglio, Ultimo tango a Parigi di B. Bertolucci (in lingua originale con sottotitoli in italiano)
 
domenica 26 luglio, Sciuscià di V. De Sica
 
martedì 28 luglio, Accattone di P.P. Pasolini
 
mercoledì 29 luglio, Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto di E. Petri
 
giovedì 30 luglio, L’uomo dal braccio d’oro di O. Preminger (in lingua originale con sottotitoli in italiano)
 
venerdì 31 luglio, La ciociara di V. De Sica
 
sabato 1 agosto, Pane e cioccolata di F. Brusati
martedì 4 agosto, Stand by me di R. Reiner
 
mercoledì 5 agosto, Farenheit 451 di F. Truffaut
 
giovedì 6 agosto, Psyco di A. Hitchcock
 
venerdì 7 agosto, Yuppi  Du di A. Celentano
 
sabato 8 agosto, L’armata Brancaleone di M. Monicelli
 
martedì 11 agosto, Mulholland Drive di D. Lynch
 
mercoledì 12 agosto, L’impero dei sensi di N. Oshima
giovedì 13 agosto, La vita è bella di R. Benigni
 
venerdì 14 agosto, Le iene di Q. Tarantino
 
sabato 15 agosto, Quando la moglie è in vacanza di B. Wilder
 
martedì 18 agosto, The Truman show di P. Weir
mercoledì 19 agosto, Angeli con la pistola di F. Capra
 
giovedì 20 agosto, L’attimo fuggente di P. Weir
venerdì 21 agosto, Taxi driver di M. Scorsese
 
sabato 22 agosto, Amici miei di M. Monicelli
 
martedì 25 agosto, Suspiria di D. Argento
 
mercoledì 26 agosto, Il terzo uomo di C. Reed
 
giovedì 27 agosto, 8 1/2 di F. Fellini
 
venerdì 28 agosto, L.A. Confidential di C. Hanson
 
sabato 29 agosto, Ricomincio da tre di M. Troisi
@ArioCorapi
Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Benigni a Sanremo, servizio pseudo culturale al servizio dei privati

L’oppio dell’individuo postmoderno di Paolo Desogus* Passa il tempo, cambiano le tecnologie, evolvono i processi …