Home / Altre rubriche / Zibaldone / Un anno di letteratura noir all’ombra della Mole

Un anno di letteratura noir all’ombra della Mole

Dopo il successo del 2015, Golem Edizioni presenta la seconda raccolta antologica degli autori di Torinoir sotto forma di agenda

 

Titolo: Memo Noir 2016

Autore: gli autori del circolo Torinoir

Editore: Golem Edizioni

Anno: 2016

Pagine: 260

Prezzo: 14 euro

 

La prefazione curata da Margherita Oggero, in cui vengono espresse l’anima magica e la valenza culturale della città di Torino, apre al lettore le porte a questa raccolta antologica di racconti redatti dagli scrittori giallisti del circolo Torinoir, nato giusto 2 anni fa. Presentata presso il Circolo dei Lettori nel novembre dell’anno passato, la Memo Noir di quest’anno rappresenta la seconda edizione di questa iniziativa editata da Golem Edizioni, dopo la prima edizione dello scorso anno rivelatasi un successo.
 

[in foto: il circolo dei lettori di Torino]

Un’agenda, dodici racconti in dodici mesi dell’anno, un racconto al mese, uno da ogni autore del gruppo: Giorgio Ballario, Patrizia Durante, Massimo Tallone, Rocco Ballacchino, Andrea Monticone, Fabio Girelli, Maurizio Blini, Fabio Beccacini, Claudio Giacchino, Enrico Pandiani, Luca Rinarelli e Marco G. Dibenedetto. Storie brevi ma coinvolgenti, contorte e sorprendenti, intrise di suspense e mistero, tutte ambientate nei pressi del capoluogo subalpino.

 

La prova del successo che l’edizione dello scorso anno ha riscosso presso i torinesi appassionati al genere, oltre che nell’originalità sostanziale e nella cura di questi racconti, risiede probabilmente anche nell’originalità formale di questa iniziativa, ossia, agenda e raccolta antologica in un unico oggetto. Un semplice strumento della vita quotidiana, l’agenda, che diventa contemporaneamente forma di espressione letteraria per gli autori nonché fonte di svago e passione per i lettori appassionati alla letteratura noir.

 

@ArioCorapi

 

Di Federico Altea

Federico Altea

Cerca ancora

Yukio e Kazuo: punti d’incontro e distanze incolmabili

Si può operare un paragone tra Mishima e Ishiguro. Entrambi giapponesi, almeno di nascita, una …