Home / Altre rubriche / Zibaldone / Bellini, Tiepolo, Tiziano e Tintoretto…in un Forte perfetto

Bellini, Tiepolo, Tiziano e Tintoretto…in un Forte perfetto

Condividi quest'articolo su -->

Si è conclusa con successo la mostra al Forte di Bard curata da Sgarbi e Accornero.

 

BARD (AOSTA) – Lo scorso 8 novembre, dopo quasi cinque mesi di apertura al pubblico, la mostra “Da Bellini a Tiepolo” curata da Vittorio Sgarbi e Gabriele Accornero ha chiuso i battenti. L’esposizione, situata nella sempre incantevole cornice del Forte di Bard, ha ospitato capolavori provenienti dalla Pinacoteca dell’Accademia dei Concordi e dal Seminario Vescovile di Rovigo; le 52 opere, testimoni immortali di un’ampia e significativa parentesi artistica, sono state proposte in un interessante percorso capace di trasportare lo spettatore dal Quattrocento al Settecento, mostrandogli una selezione ragionata di opere d’arte provenienti da uno dei periodi di spicco della produzione italiana (veneta, nella fattispecie).

 

Gli autori citati nel titolo dell’esposizione sono solo due dei venti artisti proposti, tra cui spiccano, ricordando i più celebri per il grande pubblico, i nomi di Tiziano e Tintoretto.

Le opere, per lo più di grandi dimensioni, presentano molti temi, tra cui troviamo rappresentazioni mariane, soggetti epici o agiografici e scena di vita quotidiana; importante è anche lo spazio dedicato ai ritratti e ai paesaggi. A impreziosire ulteriormente la collezione, contribuisce l’architettura della sala espositiva, un perimetro sapientemente suddiviso in piccole aree, utili ad apprezzare ogni opera nel suo contesto tematico (o cronologico) e grazie alle quali ogni capolavoro ha lo spazio che merita, facendolo risaltare e rendendolo, perciò, decisamente più fruibile.

Terminata questa esposizione, il Forte di Bard propone, per la stagione invernale, una mostraevento di pittura fiamminga e olandese del XVII e XVIII secolo, intitolata “Golden Age”, un’occasione per approfondire il Secolo d’oro, appunto, di questa preziosa produzione.

 

In conclusione, una citazione di Vittorio Sgarbi volta ad elogiare l’eccezionale teca architettonica che ha ospitato questi tesori: “Tutto il mondo dovrebbe essere come il Forte di Bard che è il luogo di ogni perfezione possibile.

 

@ArioCorapi
@CecileChevrette

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Attentato alla democrazia: il diritto si rivolta contro i cittadini

Caso maxi antenna 5G nel cortile di una scuola a Frossasco. I genitori preoccupati intentano …