Home / Altre rubriche / Zibaldone / Gli Este alla Reggia di Venaria

Gli Este alla Reggia di Venaria

Condividi quest'articolo su -->
VENARIA (TO) – Ieri è stata inaugurata la prima giornata di apertura della mostra “Splendori delle corti italiane: gli Este – Rinascimento e Barocco a Ferrara e Modena“, nella splendida Reggia di Venaria, Patrimonio dell’Umanità dal 1997, che la ospiterà fino al 6 luglio 2014.
L’esposizione, allestita al primo piano, mira a far comprendere l’importanza della corte degli Este nel periodo del regno di Ferrara e di Modena: si va dal pieno Rinascimento di Alfonso I al Barocco di Francesco I. Un altro obbiettivo è sicuramente quello di riportare in vita opere distrutte dal terremoto che ha colpito l’Emilia Romagna nel 2012.
 
La mostra si articola in nove sezioni, in cui si trovano le opere di Cosmè Tura, Dosso Dossi, Correggio, Tiziano, Tintoretto, Velàzquez, Jean Boulaneger, che vi condurranno attraverso la grande cultura e raffinatezza delle Corti italiane.
 
Con il celebre ritratto di Velàzquez del 1638, nella parte finale della mostra, viene curata in particolar modo la figura di Francesco I, protettore di artisti e letterati, che arricchì la Galleria estense con opere che oggi rappresentano il vanto del museo di Dresda.
Un’esposizione che merita sicuramente di essere visitata. Un unico appunto per gli organizzatori di questa splendida mostra va fatto per una non incisiva promozione della stessa, oltre ad una rivedibile dislocazione tra parcheggio-punto vendita e ingresso.
a cura di:

Allegra Romana,
Gabriele Tebaldi.

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Attentato alla democrazia: il diritto si rivolta contro i cittadini

Caso maxi antenna 5G nel cortile di una scuola a Frossasco. I genitori preoccupati intentano …