Home / Altre rubriche / In Corsia / Remdesivir: il farmaco pagato 2500 euro dal Governo (quando in realtà ne costa 5)

Remdesivir: il farmaco pagato 2500 euro dal Governo (quando in realtà ne costa 5)

Condividi quest'articolo su -->

Io mi ero ripromesso di parlare il meno possibile di questa presunta epidemia di Covid19, anche perchè chi ha capito non ha bisogno di ulteriori dimostrazioni, chi purtroppo per lui è immerso nella narrazione dominante rimarrà della sua qualunque cosa si dica.

di Giuseppe Masala

Ma di fronte alla denuncia della ex Ministro Grillo (dunque una persona non pregiudizialmente contraria a questo governo visto che il partito nel quale è stata eletta, il M5S, fa parte della maggioranza) rimango veramente perplesso. Evidentemente si è passato il segno, e chi capisce non può esimersi dal parlare, anche perché presto o tardi l’enorme crimine in corso emergerà in tutto il suo orrore.

La ex Ministra spiega che il Remdesivir acquistato dalla Ue

(ovviamente, l’Italia oltre ad avere i suoi rappresentanti nell’istituzione dovrà pagare a pie’ di lista quanto dovuto) per combattere la presunta epidemia è stato pagato ad un prezzo irragionevole: ben 2500 euro a trattamento quando il costo di produzione è di 5 (cinque) euro per 5 (cinque) giorni di trattamento. Un vero e proprio furto con scasso.

Che si aggiunge all’enorme furto dell’acquisto dei vaccini (che a detta di chi se ne intende non serviranno ad un emerito razzo) e per ora comunque inesistenti. Un enorme fiume di danaro sta uscendo dalle tasche dei contribuenti, e si sta indirizzando dio solo sa dove.

Questo fenomeno sta avvenendo a tutti i livelli: a livello europeo (vaccini e medicinali), statale (pensiamo alla porcata dei banchi rotellati pagati a peso d’oro) e per quanto riguarda l’Italia anche a livello regionale: basta pensare all’enorme mangiatoia delle regioni tra mascherine acquistate a peso d’oro e rimborsi pazzi per le degenze dei covidici nei nosocomi.

E come se non bastasse

per reggere questa enorme commedia macabra sono costretti a gonfiare i dati epidemiologici e inscenare blocchi dell’attività economica nel paese che stanno distruggendo completamente il tessuto produttivo.

E i nostri famelici lestofanti, come se non bastasse vogliono mettere le mani anche sui 37 miliardi della linea di credito pandemica del Mes che verranno platealmente dissipati confidando nella instupidimento generale causato dal terrorismo pandemico mandato avanti da giornalisti che sanno bene come battere la lingua sul tamburo. Così come vuole chi si ritiene il padrone del vapore. Un disastro totale.

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Vaccino Covid: una corsa ridicola a chi offre di più

Ho visto Mentana esultante come non era da tempo, mentre annunciava che il vaccino di …