Home / Altre rubriche / High Tech / Solidarietà digitale per favorire lo smart working

Solidarietà digitale per favorire lo smart working

Condividi quest'articolo su -->

Dopo le nuove disposizioni del governo in materia di contenimento del contagio cosa è possibile fare? Come si possono sfruttare al meglio queste settimane all’interno delle mura domestiche?

In data 10 marzo 2020 è entrato in vigore il nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che riporta misure urgenti riguardo la gestione e il contenimento del nuovo COVID2019. Dalla comunicazione ufficiale la frase cardine e ormai virale sui social è: “Io resto a casa”.

Quali sono le restrizioni?

L’articolo 1 del Dpcm prevede l’estensione a zona rossa di tutta la penisola in modo tale da evitare spostamenti e contenere il più possibile la popolazione entro i confini regionali. Restare presso la propria abitazione è altamente auspicabile, ma uscire per ragioni di necessità – fare la spesa, andare in farmacia, aiutare conoscenti o componenti della famiglia anziani con le debite precauzioni, ecc… – , di salute o per lavoro è possibile a patto che tali spostamenti siano provabili mediante un modulo prestampato. Sono permesse le attività motorie all’aperto purché non di gruppo e mantenendo sempre la distanza di sicurezza di un metro.

Le misure adottate, se rispettate, permettono di non prolungare le restrizioni per tornare il prima possibile alla quotidianità.

Ecco che la vita si è trasferita sui social, le lezioni universitarie e scolastiche si tengono su piattaforme online e lo smart working sta aiutando le aziende a portare avanti il lavoro dei dipendenti. Proprio per questo motivo è partita l’iniziativa di solidarietà digitale del Ministro per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione.

Progetto solidarietà digitale

Cosa offre la solidarietà digitale?

Sono stati previsti una serie di servizi online gratuiti per chi vive nelle zone rosse nel periodo di isolamento al fine di facilitare il lavoro da casa. Aderiscono a questa iniziativa diverse piattaforme di smart working, servizi di Cloud Computing, gestori telefonici e quotidiani online. Tutte le informazioni utili sono reperibili sul sito: solidarietadigitale.agid.gov.it 

Al di là dei servizi offerti per facilitare il lavoro, quali attività possono alleggerire le nostre giornate?

Per chi tiene alla propria forma fisica LifeGate lancia la prima Smart Yoga Class che si terrà ogni martedì e giovedì a partire dalle ore 19 in diretta su Facebook per un intero mese. Anche la cultura non si ferma in quanto proprio ieri è partita l’iniziativa ‘Uffizi Decameron’ grazie alla quale ogni giorno sui profili Instagram e Twitter della celebre galleria saranno pubblicate foto e video delle opere.

Condivisibile o meno,

è giusto rispettare le restrizioni al fine di uscire dall’emergenza il prima possibile cercando di vedere non solo gli aspetti negativi, ma sfruttando il tempo disponibile per informarci, leggere, prenderci cura di noi stessi. Aiutiamo il paese e cerchiamo di non portare la sanità al collasso: stiamo a casa.

 

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Elon Musk: ossia pensiero magico per mercati superstiziosi

Elon Musk sta imitando “i guaritori con l’imposizione delle mani e i paranormali al telefono …