Home / Altre rubriche / High Tech / I nuovi SMS di Google sfidano tutte le app di messaggistica istantanea

I nuovi SMS di Google sfidano tutte le app di messaggistica istantanea

Condividi quest'articolo su -->

Google ha un piano per dare vita ai vecchi messaggi che tutti conosciamo come SMS (Short Message Service): li sta trasformando e sviluppando in un nuovo tipo di messaggistica istantanea, i cosiddetti SMS 2.0, messaggi in stile Apple senza connessione pronti a fare da avversari a Whatsapp, Messenger di Facebook e Telegram.

Essi sono molto simili ai messaggi istantanei di Apple (iMessage) che possono essere scambiati solo tra due possessori di iPhone, sembrano creati apposta da Google per fare concorrenza a questo servizio in primis ed a seguire con le altre app di messaggistica istantanea.

Il colosso di Mountain View sfrutta i vecchi SMS aggiungendo a loro nuove funzioni e un tema diverso per dare una nuova possibilità di comunicazione agli utenti che utilizzano le app di messaggistica.

Ma come funzionano gli SMS 2.0?

Essi sfruttano lo standard RCS (Rich Communication Services), protocollo di comunicazione che ricava le operazioni già presenti nelle altre app di messaggistica (chat di gruppo e lettura dei messaggi con le spunte e doppie spunte) e ovviamente con l’aggiunta dei file multimediali e documenti che inizialmente si potevano mandare solamente tramite MMS. I messaggi saranno criptati per aumentare così la sicurezza e la privacy.

RCS, il servizio che utilizza Google per gli SMS 2.0

 

Sarà possibile accedere agli SMS 2.0 tramite l’applicazione di messaggistica standard presente nel Play Store di Google (Messages) che, quando il progetto andrà in porto in tutto il mondo, sarà sicuramente presente anche nell’App Store di Apple.

Questo progetto, però, potrebbe recare un danno economico ai gestori telefonici che avrebbero la capacità di far subire delle limitazioni sui contratti telefonici dedicati ai messaggi con l’arrivo degli SMS 2.0.

Google ha già tentato di convincere gli operatori a favorire lo standard SMS RCS ma finora con scarsi risultati in America ed Europa (solamente in Francia e Regno Unito le compagnie telefoniche li supportano), per questo si dovrà attendere il permesso da essi per fare sì che questa iniziativa diventi effettivamente una realtà.

 

Leggi anche:

Zuckerberg segna il territorio su Whatsapp: ecco cosa cambia per gli utenti

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Torino, TAS svilupperà i moduli della prima stazione spaziale commerciale

Torino punta allo spazio con Thales Alenia Space (TAS), joint venture tra Thales (67%) e …