Home / Altre rubriche / High Tech / Immagini e video alla mercé degli hacker su WhatsApp e Telegram?

Immagini e video alla mercé degli hacker su WhatsApp e Telegram?

I loghi di WhatsApp e Telegram.

La Symantec mette in guardia: «Immagini e video non protette, probabile un attacco hacker».

Non c’è mai pace per WhatsApp e Telegram che, negli ultimi giorni, sono coinvolti nell’ennesima bufera sulla protezione dei dati. Questa volta a lanciare la polemica è l’azienda informatica Symantec che compete nell’industria antivirus e tutela i dati sensibili e multimediali degli utenti.

Image result for end to end whatsapp
Whatsapp usa una tecnologia end-to-end per criptare i messaggi.

Nonostante il fatto che i due servizi di messagistica istantanea utilizzino la crittografia end-to-end, ovvero una sorta di comunicazione cifrata accessibile solo alle due persone che stanno comunicando, sarebbe stato rilevato un livello carente nella protezione di file multimediali che vengono scambiati nelle chat tra possessori di dispositivi Android.

Media File Jacking

La Symantec ha definito questa falla come “Media File Jacking”: le immagini e i video non sono al sicuro nella semplice galleria di ogni dispositivo. Per quanto riguarda WhatsApp, potrebbero esserci sorprese di cattivo gusto per tutti gli utenti che hanno deciso di salvare i media in una memoria esterna, mentre per quanto riguarda Telegram questo può accadere quando è selezionata l’opzione “salva in galleria”.

Il rischio è legato al fatto che persone molto esperte possono entrare facilmente nei dispositivi e distorcere o addirittura rubare determinati file, senza che gli utenti se ne rendano conto. Ma il rischio non si fermerebbe solo a questo: i malintenzionati più pratici riuscirebbero a modificare anche documenti che vengono scambiati sulle due piattaforme, come per esempio ricevute di pagamenti, traendone chiaramente profitto per le loro tasche.

In realtà, per prevenire tutto ciò,

è necessario semplicemente disattivare le impostazioni legate alla memoria esterna o al salvataggio, ma non risulta così immediato perché le due piattaforme danno automaticamente questa opzione al momento dell’installazione.

La Symantec ha lanciato la notizia attraverso il loro canale Twitter ufficiale e dopo lo scoppio della polemica WhatsApp ha subito lasciato una dichiarazione:

WhatsApp ha esaminato attentamente questo problema ed è simile alle precedenti domande sullo storage dei dispositivi mobili che hanno un impatto sull’ecosistema delle app. WhatsApp segue le migliori pratiche attuali fornite dai sistemi operativi per l’archiviazione dei media e attende di fornire aggiornamenti in linea con lo sviluppo in corso di Android. Le modifiche suggerite qui potrebbero entrambe creare complicazioni sulla privacy per i nostri utenti e limitare il modo in cui le foto e i file potrebbero essere condivisi.

Nessuna replica è pervenuta dalla piattaforma Telegram, di proprietà di Google.

Di Beatrice Saitta

Beatrice Saitta
Classe 1998. Dopo aver studiato lingue al liceo, si dedica all'informatica, studiando ICT all'Università di Torino. Grandi ambizioni e grandi sogni, ma tutto parte dalla scrittura.

Cerca ancora

Un esperimento costato milioni di euro: questa volta a rimetterci è Google

Un esperimento che è andato male. Molto male. Così male da averci rimesso addirittura milioni …