Home / Altre rubriche / High Tech / Aumento della privacy: ecco come i big dell’high tech riparano ai danni

Aumento della privacy: ecco come i big dell’high tech riparano ai danni

Nelle ultime ore i dispositivi mobili stanno lanciando molti aggiornamenti legati alle app, soprattutto inerenti ai motori di ricerca e ai vari social network. Il motivo sta nella ricerca di un’autotutela dei colossi, più che della tutela degli utenti.

Dopo molti scandali legati alla tutela della privacy e alla protezione dei dati sensibili, qualcosa nell’aria sta cambiando. Quella in atto è una vera e propria rivoluzione nella difesa dei dati degli utenti, ma non solo. Da Google a Facebook, tutti stanno cercando di tutelarsi maggiormente e soprattuto si cerca sempre più di recuperare ciò che sembrava perso: la fiducia da parte del “cliente”.

Infatti, dopo i vari scandali che hanno coinvolto i colossi del web, in molti hanno dichiarato di non fidarsi a pieno di ciò che condividono in rete. La maggior preoccupazione è sicuramente l’uso di materiale privato ed è proprio questa angoscia che ha portato ad una minor interazione da parte del singolo utente. Ma questa paura non è certamente infondata: ricordiamo come nello scorso luglio Zuckerberg, CEO di Facebook, sia stato protagonista di un maxi-scandalo legato alla mancata protezione dei suoi 3 miliardi di utenti mensili.

La situazione sta iniziando a migliorare (o almeno così pare).

Google, per esempio, fa partire la sua svolta da YouTube: il canale di condivisione multimediale avrà una nuova funzione chiamata “auto-delete”, ovvero la possibilità di cancellare automaticamente dalla memoria la cronologia dopo un tot di mesi che l’utente stesso potrà scegliere. Inoltre, sempre Google, ha iniziato a notificare ai suoi utenti l’attività di “password checkup”: il motore di ricerca informerà autonomamente se le password connesse al pacchetto Google (Google Drive, Google Foto ecc…) dovessero risultare troppo deboli e bisognose di modifica.

Anche per quanto riguarda Zuckerberg e i suoi social network ci sono grosse novità in vista: per esempio su Instagram, ormai da qualche settimana, sono scomparsi il numero dei mi piace sotto i post, così com’è del tutto sparita la possibilità di vedere nella sezione notizie i “seguiti” e a cosa mettono mi piace i nostri amici. Tutte queste novità sono indubbiamente legate al rispetto della privacy altrui, oltrechè alle varie decisioni del GDPR (General Data Protection Regulation) del maggio 2018.

Non a caso, come riportato su “La Repubblica”, i principi base del regolamento si fondano su consenso, accesso, portabilità, notifica, sicurezza, minori e diritto all’oblio. Vengono delineate anche le sanzioni relative a tutto ciò che ha un forte peso specifico per qualsiasi tipo di azienda:

“Si inaspriscono le sanzioni amministrative pecuniarie: le multe possono arrivare fino a 10 milioni di euro o 2% del volume d’affari globale (…) oppure fino a 20 e 4% del fatturato.”

 

Leggi anche:

Centinaia di migliaia di utenti ingannati. L’Italia multa Facebook

Di Beatrice Saitta

Beatrice Saitta
Classe 1998. Dopo aver studiato lingue al liceo, si dedica all'informatica, studiando ICT all'Università di Torino. Grandi ambizioni e grandi sogni, ma tutto parte dalla scrittura.

Cerca ancora

Tim e Google puntano tutto su Torino, la nuova città dell’innovazione

Il capoluogo piemontese è stato scelto da Google e Tim come trampolino di lancio: proprio …