Home / Altre rubriche / Chi legge scrive / La casta indigesta

La casta indigesta

Condividi quest'articolo su -->
CHI LEGGE SCRIVE
Secondo Veltroni, gli Italiani dovrebbero ringraziare Draghi, Monti e NapolitanoVogliamo scherzare? C’è da dire basta alla propaganda elettorale a buon mercato. Questo sì che è populismo, una manipolazione subdola e meschina davvero insopportabile. Siccome Monti s’è dimesso e Napolitano è agli sgoccioli del suo mandato, emergono due possibilità: o si instaura una vera unità monetaria (con l’euro alla pari in tutti gli stati) e si elimina lo spread, oppure si cancella la BCE come banca d’emissione (con superpoteri) e si ritorna alla Banca d’Italia. La terna sopracitata è solo l’erede consanguinea di Ciampi, Prodi ecc; la cricca che ci ha catapultati nell’euro (un cambio di ricchi premi e cotillons) al solo scopo di rovinarci per soddisfare i fautori del NWO, quel nuovo ordine mondiale gestito dai banchieri internazionali.

In risposta a Veltroni (e a tutta la classe europeista indigesta come lui), chi scrive risponde con una frase del tedesco Tobias Piller: “Ogni paese deve fare le riforme a casa propria. Meglio una fine orribile che un orrore senza fine”. Mantenendo lo status quo, l’horror è assicurato come nei migliori thriller degni di questo nome. Purtroppo però non si tratta di un film, che finisce dopo due ore: è l’amara realtà che, grazie a questa casta indigesta, ci seppellisce come uomini e ci cancella come nazione. Non eravamo sull’orlo del fallimento un anno fa. LaBanca d’Italia aveva dichiarato (2-11-2011) che se gli interessi passivi fossero arrivati all’8% con crescita zero, per due anni non succedeva proprio niente. Il rischio di default era inesistente.


Veltroni farebbe meglio a tacere e a non usare la TV per pronunciare corbellerie. C’è il rischio che la gente capisca che è stata buggerata da politici foraggiati dai banchieri e correrà a prendere i forconi. La folla inferocita diventa una bestia feroce e immonda che non conosce limiti. Non saranno certo parole stucchevoli, fasulle ed allarmistiche a fermarla.

Giuseppe Franchi – Naa ( Noi Automobilisti Antieuropeisti)
Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Il M5S ha bisogno di un apparato di propaganda, ed è già tardi

Dubito che qualcuno in Italia si ricordi di un episodio accaduto nei primi anni novanta …