Home / Affari di Palazzo / Un attacco prepotente al diritto alla salute dei cittadini

Un attacco prepotente al diritto alla salute dei cittadini

Un fatto recentissimo, avvenuto in Toscana, rende fin troppo chiara una tendenza molto pericolosa, e ben terribile: è in corso un attacco al diritto alla salute dei cittadini italiani. Alla loro possibilità di curarsi. Un attacco basato sulle fallacie e le menzogne del modello liberista.

Autore: Gilberto Trombetta

Due ore di attesa dopo la chiamata d’emergenza, 2.000 dollari per il trasporto in ambulanza, 1.500 per la visita al Pronto soccorso, altri 500 per la radiografia: per un totale complessivo di 4.000 dollari. È la sanità privata a stelle e strisce. La salute non è protetta, ma i negozi in compenso sono sempre aperti: 7 giorni su 7, 24 ore su 24.

Una realtà che a molti può sembrare ancora tanto lontana dall’Italia. Così lontana da non doversene preoccupare. Ma ne si può essere davvero così sicuri?

«Spiacenti, non abbiamo le ambulanze». È quanto si è sentita dire, alla fine di dicembre del 2019, un’anziana 96enne di Carrara. La signora si sarebbe dovuta recare ad un vicino ospedale per eseguire terapie antitumorali, ma alla fine è stata costretta a pagarsi un’ambulanza privata.

Non dovrebbe stupire. Sono anni che i finanziamenti pubblici al Servizio Sanitario Nazionale italiano vengono tagliati. Tagli a cui bisogna aggiungere l’incivile blocco del turn over.

A partire dal 2010 la quota di finanziamento pubblica della Sanità in Italia – indi per cui, della salute dei suoi cittadini –  ha iniziato a calare ancora più velocemente, distaccandosi progressivamente dalla media registrata nei Paesi europei occidentali.

Lo scorso anno la quota di finanziamento italiana è stata di 6 punti percentuali inferiore a quella degli altri Paesi, tanto da essere ormai allineata a quella dei Paesi dell’Est europeo. Solo negli ultimi 8 anni la spesa è stata tagliata del 2,7%.

Spesa sanitaria in Italia in confronto al PIL pro capite

Così facendo la forbice rispetto ai Paesi occidentali della UE si è allargata, portando quella della spesa pubblica pro capite al 37,1%. Cioè l’Italia spende appena i 2/3 di quello che spendono gli altri Paesi.

Contemporaneamente si è ridotta la forbice della spesa privata per la salute, che vedeva fino a qualche anno fa l’Italia tra gli ultimi posti. Nel 2008 era inferiore del 20% circa a quella media degli altri Paesi UE ma è stata ormai ridotta ad appena l’11,4%.

Una cosa inaccettabile se si pensa che il Servizio Sanitario Nazionale italiano, sulla carta almeno, dovrebbe essere ancora Universalistico, Globale e offrire quindi servizi gratuiti. Salute. A tutti.

Revisione ed impostazione grafica: Lorenzo Franzoni

Leggi anche:

Il collasso progressivo della sanità pubblica italiana

Di Lorenzo Franzoni

Lorenzo Franzoni
Nato nel 1994 a Castiglione delle Stiviere, mantovano di origine e trentino di adozione, si è laureato dapprima in Filosofia e poi in Scienze Storiche all'Università degli Studi di Trento. Nella sua tesi ha trattato dei rapporti italo-libici e delle azioni internazionali di Gheddafi durante il primo decennio al potere del Rais di Sirte, visti e narrati dai quotidiani italiani. La passione per il giornalismo si è fortificata in questo contesto: ha un'inclinazione per le tematiche di politica interna ed estera, per le questioni culturali in generale e per la macroeconomia. Oltre che con Elzeviro.eu, collabora con il progetto editoriale Oltre la Linea dal 2018 e con InsideOver - progetto de il Giornale - dal 2019.

Cerca ancora

Chiuse le indagini su Bibbiano nel totale silenzio mediatico

Dopo mesi passati ad ironizzare – talvolta legittimamente – sulla ripetizione ossessivo-compulsiva dello slogan “parlateci …