Home / Affari di Palazzo / I surplus commerciali della Germania: lesivi, scorretti e pericolosi

I surplus commerciali della Germania: lesivi, scorretti e pericolosi

L’Istituto IFO ha divulgato i dati della bilancia commerciale tedesca per l’anno 2019. Essa ha toccato quasi i 300 miliardi di dollari di surplus, che per il quarto anno consecutivo la confermano come primo Paese al mondo per surplus commerciale.

Autore: Giuseppe Masala

Peraltro con la differenza, non di poco conto, che la Germania è un paese di appena 80 milioni di abitanti. Laddove invece il secondo, la Cina, ed il terzo Paese, il Giappone, di questa particolare classifica, sono dei colossi demografici rispettivamente di 1,4 miliardi di persone e di 125 milioni di persone. Sottolineatura non di poco conto visto che che il surplus pro-capite risulta, come è facile intuire, estremamente diverso.

I dati della bilancia commerciale tedesca divulgati dall’Istituto IFO

Il punto – sulla bilancia commerciale tedesca – è il solito che da troppo tempo viene ripetuto. Un simile surplus dovrebbe portare ad un enorme rivalutazione della moneta del paese che lo detiene. Ciò, nel caso della Germania, non avviene perché ha l’euro che è una pseudo-moneta (in realtà un serpentone monetario a cambi fissi sotto mentite spoglie) regolata da trattati che impongono artificialmente austerità (o, meglio, chemioausterità) depressiva sulle economie di altri Paesi facenti parte dell’unione.

Quindi il boom economico tedesco, premiato con surplus commerciale, viene ampiamente compensato dalla depressione imposta ai Paesi del Sud dell’area monetaria, in primis l’Italia. Si tratta di una evidente, per quanto obliqua, manipolazione della moneta al fine di guadagnare competitività sui mercati internazionali – come giustamente accusano gli americani.

Il surplus commerciale tedesco

Come risolvere questo problema? Sarebbe davvero semplice: basterebbe trasformare il serpentone monetario a cambi fissi e immodificabili che è l’euro in una vera moneta, facendo oltre che una politica monetaria comune anche una politica fiscale con la relativa unificazione del debito.

Questo comporterebbe un trasferimento netto verso i Paesi in disavanzo (tra i quali non c’è l’Italia, però gravata da un insignificante alto debito pubblico usato pretestuosamente per bastonarla e tenerle il piede in gola causando depressione economica) consentendone lo sviluppo. In automatico ciò comporterebbe la fine della cuccagna per i paesi del Nord Europa beneficiari finora del meccanismo mostruoso dell’euro al quale i nostri politici folli e irresponsabili (Ciampi, Prodi, Padoa Schioppa, Andreatta, ecc…) hanno deciso di aderire, rovinandoci letteralmente.

A cosa porterà alla lunga questa situazione? La storia parla chiaro, squilibri di bilancia commerciale troppo ampi e troppo prolungati portano alla guerra. Lo dicevano anche i saggi di Bretton Woods, tra i quali Lord Keynes nelle loro raccomandazioni. Ma i tedeschi non intendono mollare l’osso in quello che è – a tutti gli effetti – il sogno realizzato di Hitler e Funk con la trasformazione dell’Europa non tedescofona in un Lebensraum di Berlino.

Ed infatti, anziché risolvere lo squilibrio interno dovuto all’asimmetria giuridica creata dai trattati, pensano ad armarsi sotto le mentite spoglie dell’Esercito Unico Europeo.

A tale proposito basta ricordare gli accorati e reiterati appelli di Lady Cocotte von der Leyen o le dichiarazioni di oggi dell’esponente della CDU Johann Wadephul che auspica una collaborazione sul nucleare militare tra Francia e Germania. Sanno di starla a fare grossa e intendono armarsi per difendere il loro Lebensraum che come ha ricordato anche la Merkel nella sua ultima intervista al Financial Times: è la loro assicurazione sulla vita (testuale).

Di notevole importanza anche le gravissime dichiarazioni dello Standartenführer polacco Donald Tusk che ha detto che l’Unione Europea è ben disposta verso l’indipendenza della Scozia e ad un suo ritorno nel IV Reich. Ma da quando in qua un alto dignitario dello Stato (qualunque Stato) può permettersi di auspicare la disintegrazione territoriale di un Paese terzo? Dichiarazioni bellicose che chiariscano quanto sia aggressiva l’UE al di là della facciata politicamente corretta. I tedeschi, col loro surplus e la loro smania di primeggiare (a costo del danno altrui), se non verranno fermati ci porteranno su una china molto pericolosa.

Scusate la lunghezza del sermone, ma ogni tanto è giusto ripetere, con buona pace di coloro che ben pensano che l’UE sia il paradiso della pace e della fratellanza.

Revisione ed impostazione grafica: Lorenzo Franzoni

Leggi anche:

Scrocconi a chi? Ecco come la Germania ha fregato tutta l’Europa

Leggi anche:

Matolcsy: “Dobbiamo ammettere che l’euro è stato un errore”

Di Lorenzo Franzoni

Lorenzo Franzoni
Nato nel 1994 a Castiglione delle Stiviere, mantovano di origine e trentino di adozione, si è laureato dapprima in Filosofia e poi in Scienze Storiche all'Università degli Studi di Trento. Nella sua tesi ha trattato dei rapporti italo-libici e delle azioni internazionali di Gheddafi durante il primo decennio al potere del Rais di Sirte, visti e narrati dai quotidiani italiani. La passione per il giornalismo si è fortificata in questo contesto: ha un'inclinazione per le tematiche di politica interna ed estera, per le questioni culturali in generale e per la macroeconomia. Oltre che con Elzeviro.eu, collabora con il progetto editoriale Oltre la Linea dal 2018 e con InsideOver - progetto de il Giornale - dal 2019.

Cerca ancora

Aborto: stile di vita o semplice diritto?

Dall’approvazione della legge 194/78 i casi di aborto in Italia sono drasticamente diminuiti, diversamente da …