Home / Affari di Palazzo / Sul merito e sulla bieca uscita della Bellanova alla Leopolda

Sul merito e sulla bieca uscita della Bellanova alla Leopolda

Condividi quest'articolo su -->

«Il merito è di sinistra. Lo vogliamo dire a quelli che dicono che tutti possono avere tutto. Il merito è il nostro unico parametro di misura e su questo li sfidiamo». Firmato Teresa Bellanova, ministro delle politiche agricole, dal palco della Leopolda.

Autore: Andrea Zhok

Quest’uscita della ministra renziana, celebre come sindacalista gialla e per i suoi titoli di studio non brillantissimi, è interessante soprattutto perché, dato il pulpito da cui parla, dà per scontata una prevalente visione dell’idea di “merito“, associabile a istanze di “economia libera”, “mercato”, “privato”.

Questo messaggio, che non è certo una novità nelle fila della sinistra liberal, mira a coltivare un’opposizione di questo genere: da un lato ci sarebbe una “vecchia sinistra“, statalista, inefficiente e assistenzialista, e dall’altro “noi”, la “nuova sinistra“, meritocratica e liberale. Una volta fatta passare questa opposizione di comodo, la preferenza per la seconda finisce per essere un’opzione naturale. Per chiarire la natura fuorviante di questo messaggio si possono fare, almeno in prima battuta, due osservazioni.

1) L’idea liberale di “merito” assume che esso sia, per così dire, una qualità intrinseca del soggetto.

Una virtù interiore, che non deve nulla a nessuno e che dovrebbe essere semplicemente moralmente riconosciuta.
Questa visione ha tuttavia un carattere prettamente mitologico, privo di ogni fondamento.

In primo luogo, com’è del tutto ovvio, le nostre capacità, la nostra “buona volontà”, le nostre inclinazioni, la nostra capacità di auto-correggerci, la nostra forza di volontà, ecc…, sono, come si usava dire un tempo, “doni”. Che siano doni di cui rendere grazie a Dio, o alla Natura, o alla Fortuna qui non importa. Quel che è certo è che in un senso primario, noi non siamo “meritevoli” per nostro merito. È proprio logicamente impossibile.

Dovremmo allora forse azzerare e rigettare i riconoscimenti di merito? Ma niente affatto, non dobbiamo farlo perché premiare il merito è socialmente utile. Questo punto comincia a diradare la nebbia circa il senso degli appelli al “merito”. Il merito, quale che sia, non inerisce al soggetto meritevole, ma dipende dalla relazione tra tale soggetto e altri soggetti verso cui è esso meritevole.

L’idea mitologica del “merito” come qualità intrinseca deve essere sostituito dall’idea del merito come qualità relazionale.

Non è l’intrinseca straordinarietà di una facoltà a rappresentare di per sé un “merito“: se io sono l’unico al mondo capace di camminare sulle orecchie, questo può forse essere un simpatico oggetto di curiosità circense, ma non rappresenta un merito finché non ha una funzione utile per altri.

Questo punto, per quanto banale, consente di mettere un po’ di ordine in quel tipo di pensierini marcescenti del tipo «Siccome questo me lo sono meritato non devo niente a nessuno». In verità tutto ciò che abbiamo “per merito” lo abbiamo sulla scorta di dipendenze molteplici, da quelle a monte della nostra esistenza (per cui siamo ciò che siamo) a quella a valle delle nostre azioni (per cui altri riconoscono i nostri meriti).

Perciò, mentre è socialmente saggio riconoscere il merito, dev’essere chiaro che il meritevole è sempre una “funzione sociale” moralmente indebitata con altri. In che misura questo indebitamento morale sia opportuno che ritorni alla società (per dire in forme re-distributive) va discusso in contesto, ma che un ritorno vi debba essere è certo.

2) Che il merito sia socialmente funzionale non significa affatto che esso sia valutabile in termini di mercato.

In effetti, i meccanismi di mercato sono funzionali al riconoscimento del merito solo in maniera limitata e selettiva. I meriti di un buon commerciante al dettaglio di beni d’uso comune possono spesso essere ben valutati dal mercato. Ma la valutazione monetaria del mercato è notoriamente assai scadente nel valutare tutte le funzioni sociali che non siano facilmente riconoscibili e che non riguardino beni di cui è limitabile l’accesso.

Il merito di chi trovasse una cura per il cancro e poi la diffondesse universalmente avrebbe un riconoscimento di mercato pari esattamente a zero, mentre il “merito” di un produttore di videogiochi pruriginosi o di uno spacciatore di crack possono ottenere un estesissimo riconoscimento di mercato, pur con meriti socialmente dubbi.

Fatte queste due brevi considerazioni, si potrebbe forse trarne una sola breve morale, concernente quei politici che, dall’alto della pochezza della loro formazione, parlano a cuor leggero di merito, assumendone un significato fuorviante, e facendone addirittura “l’unico parametro di misura“. Ecco, ad occhio e croce si tratta di rappresentanti politici che dovrebbero senz’altro lasciare il posto a gente più meritevole.

Revisione ed impostazione grafica: Lorenzo Franzoni

Condividi quest'articolo su -->

Di Lorenzo Franzoni

Lorenzo Franzoni
Nato nel 1994 a Castiglione delle Stiviere, mantovano di origine e trentino di adozione, si è laureato dapprima in Filosofia e poi in Scienze Storiche all'Università degli Studi di Trento. Nella sua tesi ha trattato dei rapporti italo-libici e delle azioni internazionali di Gheddafi durante il primo decennio al potere del Rais di Sirte, visti e narrati dai quotidiani italiani. La passione per il giornalismo si è fortificata in questo contesto: ha un'inclinazione per le tematiche di politica interna ed estera, per le questioni culturali in generale e per la macroeconomia. Oltre che con Elzeviro.eu, collabora con il progetto editoriale Oltre la Linea dal 2018 e con InsideOver - progetto de il Giornale - dal 2019.

Cerca ancora

L’attuale opposizione italiana: una “destra” odiosa

Odio questa destra senza tradizioni, senza onore, senza fede e senza patria, senza disciplina, questa …