Home / Affari di Palazzo / Spygate: I servizi segreti italiani hanno preso ordini dagli Stati Uniti?

Spygate: I servizi segreti italiani hanno preso ordini dagli Stati Uniti?

La divulgazione della notizia che l’Attorney General americano William Barr e il Procuratore Speciale John Durham sono venuti personalmente in Italia per indagare sul coinvolgimento dei nostri servizi segreti nell’operazione di spionaggio della campagna elettorale di Trump ha creato scompiglio anche nei media.

di Giuseppe Masala

Quello che sembra essere stato un tentativo di costruire un trappolone al tycoon per riuscire a farlo dimettere dopo che è stato eletto pare aver costretto il Corriere della Sera a titolare

“Russiagate: anche i servizi segreti italiani hanno indagato per conto degli Usa”

Un ammissione importante, dunque i nostri servizi hanno indagato. Su ordine di chi? E che cosa vuol dire indagare di preciso? Controllare in maniera terza e imparziale i fatti o costruire i fatti?

No, perchè a rigore, per quanto ne sappiamo, adibiti ad indagare sono polizia e carabinieri su ordine della magistratura. I servizi in genere i fatti li creano. E infatti in questo caso si ha prova ormai certa che di fatti ne siano stati creati parecchi.

L’Attorney General americano William Barr

Comunque le fibrillazioni sono evidenti

Conte che strepita, il mondo politico, in particolare quello legato a Renzi, che straparla e che vorrebbe che Conte cedesse le deleghe sui servizi segreti (magari per darle a qualcuno più affidabile?), anche Monti, che è uno di quelli che in genere non s’abbassa a parlare per le cavolate chiede chiarezza.

Evidentemente la cosa è seria: nessuno sa cosa abbiano detto i dirigenti dei servizi a Barr e a Durham e tutti vorrebbero sapere. A Roma c’è gente che se la sta facendo addosso. Questo mi pare evidente.

 

Leggi anche:

Lo Spygate e la colpevole confusione dei media italiani

Lo Spygate arriva in Italia: la lettera di Lindsay Graham

Cerca ancora

Qualche verità sulla sconfitta dell’Isis in Siria

Nonostante il repentino riposizionamento di alcuni media, la vulgata comune presenta ancora curdi e americani …