Home / Affari di Palazzo / Politica interna / Riesumato Veltroni: ecco le ultime perle del fondatore del Pd

Riesumato Veltroni: ecco le ultime perle del fondatore del Pd

Appare quasi poetico come i media o gli stessi compari di partito, di tanto in tanto, riesumino il fondatore del Pd, esimio romanziere Walter Veltroni. Che ammonisce (ma che novità) sul pericolo fascista e fa ponti d’oro al guerrafondaio McCain.

Lui, con il pasciuto ultracattolico Adinolfi, il democristiano Follini, il profeta Fassino e altri hanno dato vita a una creazione politica che oggi è data al minimo storico nei sondaggi. Addirittura affaritaliani.it  dà il Partito democratico al 3 – 4%.

Il politico di lunghissimo corso vorrebbe ultimamente ammonire il diseducato italiano medio sulla pericolosità intrinseca del governo attuale. Il governo Conte, infatti viene tacciato di pericolosissimo estremismo di destra. E’ d’accordo con lui un altro romanziere, giallista di successo: Dario Franceschini, che già in marzo, ammoniva contro il medesimo pericolo, ma forse aveva paura del pericolo di perdere la poltrona, come è accaduto subito dopo?

Eppure il Premier, come ha dichiarato nell’unica intervista di un certo peso che ha rilasciato (a Travaglio, per il Fatto), votava il loro partito fino al 2013. Poi è stato troppo, anche per uno proveniente dall’area di sinistra, sempre stando alle dichiarazioni di Conte.

Image result for mccain war
Un modello da seguire, secondo il famoso romanziere e politico on. Veltroni.

 

Questi fascisti si annidano proprio dappertutto. L’ultimo ammonimento di Veltroni, giunge poi da fatti d’oltreoceano. La sinistra (ah-ah!) dovrebbe, dice il Fondatore, ripartire da John McCain, quel galantuomo.

Per chi conosca l’inglese e voglia approfondire la figura di McCain, questo articolo di ormai 10 anni fa rimane scolpito come nella pietra: https://www.theguardian.com/world/2008/jun/22/johnmccain.uselections2008

Qui però cadiamo nel più assurdo parossismo.

I girotondini pseudopacifisti che esaltano uno dei più grandi guerrafondai del secondo dopoguerra. Colui che tra i politici americani è sempre stato pronto addirittura a glorificare la guerra come nemmeno Marinetti – e non propagandisticamente o artisticamente, si badi – bensì finanziandola con i suoi voti, foraggiati dalle dubbie amicizie che intratteneva nell’industria negli armamenti.

Lungi da noi voler esaminare l’annosa questione sul da dove dovrebbe “ripartire la sinistra”, ma forse il nodo della questione sta a monte:

il Pd, infatti, ha (ancora) qualcosa a che fare con la sinistra?

Di Freddie

Classe 1989. Giornalista pubblicista. Scrive su Elzeviro fin dai primordi. Laurea in giurisprudenza, master in Economia e gestione delle Risorse umane alla Newcastle Business School. Vive nel Regno Unito.

Cerca ancora

Chi è Carlo Cottarelli, il sicario della Troika in Italia

Dopo l’incarico lampo come Primo Ministro italiano, subito revocato, Carlo Cottarelli sembra avere ancora il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 + dodici =