Home / Affari di Palazzo / Politica interna / Perché non voto #5: Lega

Perché non voto #5: Lega

Lega

Si tratta sempre della Lega Nord per l’indipendenza della Padania? Ora, per racimolare voti al sud, si chiama solo più Lega. Almeno sulla lista così ci sarà scritto. Quel partito il cui leader cantava canzoncine razziste contro i napoletani? Il cui leader, che scambia participi e gerundi con una imbarazzante facilità, nei giorni scorsi difendeva il candidato governatore lombardo che inneggia ad una presunta razza bianca che rischia di scomparire a cagione dell’immigrazione incontrollata? (Ovviamente Attilio Fontana ha subito smentito parlando di lapsus).Quel partito il cui precedente leader è stato condannato per truffa aggravata ai danni dello Stato a cui ha sottratto milioni per destinarli all’uso suo e dei suoi pargoletti e con il cui denaro dello Stato ha comprato dei diamanti? Quel partito che ha avuto una banca per un periodo, salvo farla fallire? Ora propone, oltre ad alcune proposte interessanti come la riapertura delle case chiuse, una tassazione fissa al 15%, chiamandola “pace fiscale”, ma che sa tanto di promessa da marinaio. Il referendum sull’Euro, scusi, ma che fine ha fatto?

“E chi non paga le tasse va in galera”. Si vorrebbe umilmente rammentare a Salvini che sono i giudici ad amministrare la giustizia, la stessa giustizia che condanna un capotreno che fa scendere chi non ha un valido titolo di viaggio ed anzi i permette di suggerire al pm che dovrebbe procedere per abuso d’ufficio. In questo paese un partito serio, e non un partito che di problemi con la giustizia ne ha un giorno sì e l’altro pure, dovrebbe proporre al primo punto una radicale ed informata riforma della giustizia, appaltata ad una commissione bipartisan di esperti e di comprovata fiducia. Salvini ha accattivato la simpatia dei leghisti (non dei più puristi della secessione) smarcandosi dall’alleanza con Berlusconi e prendendo in giro chi si alleava con lo stesso (Renzi). A questa tornata però corre con l’incandidabile Silvione nazionale.

Estratto dall’articolo ELEZIONI: E’ ancora possibile “turarsi il naso”?

Di Federico Altea

Cerca ancora

Il servo dell’Europa

Sarà ancora una volta il Presidente della Repubblica a pronunciare l’ultima parola sul futuro Primo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 4 =