Home / Affari di Palazzo / Esteri / L’UE si poggia su una mistificazione storica?

L’UE si poggia su una mistificazione storica?

Sulla risoluzione del parlamento europeo, che equipara comunismo e nazismo e che sostanzialmente invita gli Stati membri a vietare per legge i simboli e il pensiero marxista, si possono trarre diverse considerazioni.

Ne proponiamo tre.

  • La prima è che in Europa i comunisti sono dei nemici, i quali al pari dei nazisti devono essere esclusi dalla vita politica dell’Unione, come già accade in alcuni stati membri. Per loro l’Ue non è infatti un campo di battaglia politico a cui possono legittimamente partecipare.
  • La seconda, che dà il titolo a questa breve riflessione, è che l’Ue fonda la propria identità su un’enorme mistificazione storica (nel caso specifico: fantasiosa ricostruzione del patto Molotov-Ribbentrop, dimenticanza e dunque falsa coscienza sugli accordi di Monaco, cancellazione del ruolo dell’URSS nella vittoria contro le forze dell’Asse…) da cui dovrebbe sorgere qualche dubbio sulle reali possibilità di tenuta dell’Unione.
  • La terza più che una considerazione è un interrogativo: sino a quando si potrà accettare il dispotismo di un’istituzione che intende imporre un’unica ideologia, quella neoliberale, e che criminalizza per legge qualsiasi altro pensiero alternativo?C’è poco da scherzare, perché se è vero che la risoluzione Ue non ha grande valore materiale, la sua larga approvazione ci dice che nel continente si sta formando un’élite politica reazionaria e antidemocratica disposta ad equiparare Togliatti a Goebbels, i partigiani italiani, tre quarti dei quali erano comunisti, ai nazisti.

Cerca ancora

Le pensioni dei cugini maleducati

Da giorni in Francia divampano le proteste contro la riforma delle pensioni voluta da Macron. …