Home / Affari di Palazzo / Politica interna / L’inutilità di Nicola Zingaretti

L’inutilità di Nicola Zingaretti

Condividi quest'articolo su -->

Non ho mai avuto una grande opinione di Zingaretti. Tra i segretari del Pd è sicuramente il più debole, e non solo sul piano culturale e politico, ma anche su quello psicologico.

di Paolo Desogus

Dietro quella faccia da uomo medio si nasconde infatti un uomo fragile, privo di riferimenti, senza uno straccio di ideale.
La lettera scritta a Repubblica è semplicemente sconcertante tanto è tediosa. Non dice sostanzialmente nulla.
Anche sul mero piano stilistico la sua prosa è piatta: un ron ron dolente, stanco, lagnoso.

Persino le parole d’ordine dell’establishment

come “sovranismo” e “populismo”, dette da lui assumono un tono vacuo, penoso e allo stesso tempo respingente. Nessuno prova empatia quando lui parla. Non suscita emozioni. Non suscita rabbia. Non suscita niente se non noia e desolazione.
Zingaretti è l’uomo della Fiat Duna uscito da qualche telefilm tedesco degli anni Ottanta, quelli in cui la fotografia vira al giallo ocra e i personaggi sono tutti di mezz’età. Compare, scompare, con lui non succede mai niente.
Non ha un amico, un collaboratore sincero che possa dargli un consiglio, che possa suggerirgli una rispolverata?
Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

Le ragioni del NO di Augusto Sinagra

Nell’eterna diatriba tra la necessità di snellire l’apparato legislativo e il rischio di svilire il …