Home / Affari di Palazzo / Politica interna / I liberisti di casa nostra sono peggio dei Paesi frugali

I liberisti di casa nostra sono peggio dei Paesi frugali

Condividi quest'articolo su -->

Un mio primo bilancio a caldo.

di Paolo Desogus

È un accordo che soddisfa le narrazioni mediatiche costruite nei rispettivi paesi. In Italia prevalgono i festeggiamenti per l’aumento complessivo del fondo (anche se diminuiscono i sussidi e aumentano i prestiti). Questo basta e avanza per dichiarare il trionfo di Conte. Siamo del resto un popolo politicamente ignorante e il luccichio dei numeri ci fa perdere la testa.

Nei cosiddetti paesi frugali prevale invece l’esultanza per le condizionalità imposte all’Italia: pesantissime. Non l’Ue (che politicamente si è auto consunta), ma i singoli paesi potranno entrare nel merito delle nostre politiche sociali (pensioni, scuola, sanità). Quello che non volevamo del MES ci arriverà con il Recovery Fund.

Si tratta dunque di vittorie

che i rispettivi capi di governo ottengono nei fronti interni. Considerando il notevole aumento dei rebates per i frugali, solo loro possono dire di aver vinto non solo in patria, ma anche in Europa. Conte vince in Italia, contro i suoi detrattori, e guadagna una notevolissima spinta per restare a Palazzo Chigi. Perde però in Europa, almeno così sembra dai dettagli. Avremo poi modo di correggere il giudizio.

Ad ogni modo il paradosso tutto italiano è che la sconfitta in Europa, cioè il cedimento sulle condizionalità, è quello che desiderava l’ampio fronte liberal liberista che sino a ieri attaccava Conte. Insomma, gratta gratta anche la vittoria mediatica in patria di Conte nasconde ombre inquietanti, ovvero la coincidenza di interessi dei frugali con i liberal liberisti.

Certo di più non si poteva fare. Non si poteva far saltare il tavolo: se non altro perché a Conte sarebbe ricaduta la responsabilità di un mancato accordo e dunque declino Ue. Un esito del genere avrebbe comportato la sua estromissione e l’inizio di nuove trattative con un nostro rappresentante sicuramente peggiore, magari Gualtieri. Eravamo in trappola e lo siamo ancora, forse in maniera ancora più stringente.

Questo è il bilancio: negativo.

Leggi anche:

Il “successo” di Conte e il profumo di Troika

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

L’attuale opposizione italiana: una “destra” odiosa

Odio questa destra senza tradizioni, senza onore, senza fede e senza patria, senza disciplina, questa …