Home / Affari di Palazzo / Politica interna / Liberi e (un po’ più) uguali

Liberi e (un po’ più) uguali

La spregiudicatezza con la quale i presidenti dei due rami del Parlamento stanno facendo campagna elettorale, forti di ruoli che dovrebbero essere super partes ed anzi “ultra” partes, è stucchevole.

Boldrini non ha ricevuto un voto in elezione alcuna. Grasso, che attacca leggi della Repubblica che ne costituiscono l’ossatura come quella sulla cittadinanza, nel precedente lavoro quella stessa legge doveva applicarla.

Sorgono molti dubbi: chi smania di protagonismo in politica lo fa anche in un’aula di tribunale.

La novità partitica di questo turno elettorale è tremenda: antimeritocratica, apolitica, irriguardosa, ma del tutto borghese ed elitaria. La presenza di D’Alema è il suggello a tutto ciò.

Di Freddie

Classe 1989. Giornalista pubblicista. Scrive su Elzeviro fin dai primordi. Laurea in giurisprudenza, master in Economia e gestione delle Risorse umane alla Newcastle Business School. Vive nel Regno Unito.

Cerca ancora

“Italiani, siete dei sovranisti psichici”, il ridicolo rapporto del Censis

I toni dell’ultimo rapporto uscito dagli uffici del Censis certificano la spaccatura sociale tra élites …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 1 =