Home / Affari di Palazzo / Destra vs Sinistra è la vecchia faida che mette a rischio il Governo

Destra vs Sinistra è la vecchia faida che mette a rischio il Governo

C’è una certa difficoltà a capire la strategia, in vista delle elezioni europee, dei nostri due dioscuri al governo.

Inizialmente pensavo ad un semplice gioco delle parti, tacitamente pattuito: io gioco a fare la sinistra (Di Maio), tu ti polarizzi a destra (Salvini) e facendoci un po’ di finta guerra interna copriamo l’intero spazio elettorale.

Una strategia non certo geniale, ma insomma, buona come altre, tutto sommato.

Però ho l’impressione che le strategie machiavelliche richiedano per realizzarle dei Machiavelli, sia pure in sedicesimo, personaggi comunque capaci di avere il polso degli umori popolari e il senso del limite.

Invece sembra che il giochino astuto stia sfuggendo completamente di mano. 
La percezione pubblica è quella di una polarizzazione secondo le usuali, stantie, linee oppositive di Destra versus Sinistra. Questa polarizzazione trasforma entrambe le forze di governo in repliche di roba già vista mille volte e già rigettata, perdendo quel tratto di novità, e di non immediata collocabilità, che inizialmente le aveva caratterizzate.

Al tempo stesso la litigiosità, le ripicche, i celodurismi e i dispetti quotidiani fatti su temi che tutto sono meno che centrali per gli italiani, danno una tale impressione di piccineria, da logorare rapidamente il credito acquisito con un’azione di governo discutibile, ma non priva di aspetti innovativi e anche proficui.

Infatti, paradossalmente, il governo che cresceva quando affrontava, non senza problemi, temi di particolare difficoltà (immigrazione, recessione, ecc.), inizia a perdere colpi nei sondaggi proprio quando alcuni frutti potrebbero essere raccolti (uscita dalla recessione, riduzione degli sbarchi, aumento dell’occupazione, diminuzione dei poveri).

Un fenomeno di antropologia politica interessante, che sarebbe anche piacevole trattare con la levità dell’ironia e di qualche sfottò, se non rischiasse di lasciarci nelle mani di un governo tecnico telecomandato da Bruxelles.

prof. Andrea Zhok

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

La prof. sospesa per Anna Frank e il diverso peso delle fake news

La storia che ha sollevato l’indignazione dei nostri media più autorevoli si è rivelata essere …

Un commento

  1. Avatar
    Saverio Gpallav

    basta guardare in faccia di Maio per non riuscire a scorgere particolare acume politico..che errore per i 5 stelle averlo scelto come loro capo politico. con liti e spostamenti a sinistra sta dissipando un patrimonio di voti vastissimo senza peraltro agganciare quelli che restano abbarbicati al pd, che preferiscono l’originale allo scimmiottator