Home / Affari di Palazzo / Esteri / Alan Friedman ci concede l’elemosina per il Coronavirus: “Italia, ora puoi fare deficit!”

Alan Friedman ci concede l’elemosina per il Coronavirus: “Italia, ora puoi fare deficit!”

Condividi quest'articolo su -->

L’emergenza del Coronavirus sta facendo uscire allo scoperto tutti i fanatici dell’austerità, da Valdis Dombrovskis ad Alan Friedman. Tutti pronti a tendere la mano all’Italia e ad assicurare un allentamento della cinghia rispetto al rigore dei conti pubblici.

di Gabriele Tebaldi

L’ha detto Valdis Dombrovskis, Commissario europeo per la stabilità finanziaria, già noto per la sua intransigenza nei confronti dei conti italiani. Conti italiani che, occorre ricordare, contribuiscono in maniera lauta e generosa alle casse della Lettonia, Paese che ha dato i natali al falco Dombrovskis. L’Italia è infatti un contributore netto verso l’Unione europea, mentre la Lettonia di Dombrovskis riceve ben di più rispetto a quello che elargisce.

Bene, dopo aver passato gli ultimi due anni a minacciare l’esecutivo italiano impugnando la temibile procedura d’infrazione, a causa di qualche decimale sul deficit previsto (tutto sempre nel rispetto dei parametri di Maastricht), ora Dombrovskis si traveste da generoso benefattore.

Saremo flessibili con l’Italia per l’emergenza Coronavirus

ha detto il falco.

A ruota l’ha seguito il giornalista Alan Friedman

già noto per le sue posizioni ultra europeiste e filo rigoriste. Anche lui ha detto che ora l’Italia ha tutto il diritto di avere flessibilità sul deficit. Tutti improvvisamente bravi e generosi?

Alle parole di Dombrovskis e Friedman bisognerebbe invece rispondere con un unico coro da far risuonare dalle Alpi fino all’Etna: e grazie al cazzo!

Dopo che per seguire le regole europee, esaltate ad ogni pià sospinto da Dombrovskis e Friedman, l’Italia ha dovuto compiere dei tagli dissennati alla spesa sanitaria (spiegati egregiamente in quest’articolo di Gilberto Trombetta). Dopo che l’adesione all’austerità ha costretto il nostro Paese a ridurre il numero di ospedali, macchinari sanitari, medici e infermieri.

Dopo che 30 anni di avanzo primario

per ridurre il debito pubblico che non faceva dormire Dombrovskis e Friedman, hanno portato al taglio indiscriminato di investimenti nell’istruzione e quindi di riflesso nelle facoltà di medicina, infermieristica, ma anche biologia, chimica, genetica eccetera.

Dopo che insomma le politiche economiche sostenute dal falco lettone e dal giornalista americano hanno messo in ginocchio il nostro Sistema Sanitario Nazionale, ora ci dicono che possiamo fare deficit.

E noi rispondiamo grazie al cazzo, signori. Ci fate l’elemosina per comprare qualche posto letto in più che arriverà quando l’emergenza virus sarà terminata e che ci richiederete indietro con gli interessi nella prossima manovra finanziaria. Quando appunto ci rinfaccerete che l’Unione europea è stata buona e generosa con noi nel momento del bisogno.

 

Leggi anche:

Tagli alla sanità ed elemosina da terzo mondo

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

L’Amazzonia e gli indigeni ora hanno una voce più forte

Nemonte Nenquimo è tra le prime donne dell’Amazzonia ad avere avuto il prestigioso riconoscimento dal …