Home / Affari di Palazzo / Politica interna / Il partito dei traditori

Il partito dei traditori

Condividi quest'articolo su -->

Dal cono d’ombra sta uscendo Gianfranco Fini. Vuole contribuire alla ricostruzione del centrodestra dopo averlo distrutto con le sue mani. Non solo è possibile, ma è molto probabile che segua le orme del suo già alleato Casini, che vada cioé a genuflettersi davanti ad Alfano dopo la Scelta infelice (non certo civica) di partecipare al polo montiano, travolto da un flop che in poco tempo l’ha portato alla deriva.

Ma c’è di più.

C’è un fuggi-fuggi da Forza Italia che fa presagire uno tsunami. Ora, dopo le numerose defezioni, è Raffaele Fitto (ex governatore della Puglia condannato in 1°grado a 4 anni) a reclamare le primarie anche per le cariche dirigenziali, forte delle 385mila preferenze ottenute al sud. Scorre un fiume sotterraneo dietro le quinte di FI, simile a quei fiumi carsici che con gallerie e cunicoli raggiungono il mare.

Sta diventando evidente la smania di completare il lavoro dei giudici con l’annientamento dell’intero partito berlusconiano. Non si tratta solo di una sensazione epidermica, ma di qualcosa di molto più sostanzioso, con radici profonde. E’ l’onda lunga degli avvoltoi in doppio petto che si avvalgono di iene e sciacalli per portare avanti il loro nefasto progetto. Dopo il pensiero unico (mercatistico e globalizzante), vogliono portarci ad un partito unico in grado di fagocitare tutti gli altri.

Dal canto suo, Renzi non ha mai fatto mistero del fatto che i voti della destra non gli facevano schifo e sta procedendo (senza intoppi) per realizzare il sogno di Tony Blair, che era quello di cancellare le categorie destra e sinistra per sostituirle con le diciture vecchio/nuovo e lento/veloce. (Uomo nuovo Renzi lo appare, velocissimo pure). In politica tutto può accadere e non è da escludere che nasca il NCDD (Nuovo centro destra democratico) pigliatutto.

Non certo per caso è spuntato come un fungo nella politica italiana questo giovanotto di belle speranze e tante (quante!) promesse – E’ la pedina al posto giusto, giocata (dai soliti noti) al momento giusto. Giuseppe Franchi

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

La missione degli antiliberisti contro la politica gossip

Non è che il liberismo usi il gossip; il liberismo “è” il gossip, ossia superficialità, …