Home / Affari di Palazzo / Politica interna / Fassino prepara nozze ed onori ad un ex-terrorista

Fassino prepara nozze ed onori ad un ex-terrorista

Condividi quest'articolo su -->

TORINO – L’apatia atavica di Palazzo Civico pare ridestarsi solo ed esclusivamente per lanciare messaggi demagogici e dissennati.

Dopo le quanto mai discutibili richieste del Sindaco per la cittadinanza ai figli di stranieri, ora nell’agenda del primo cittadino è comparsa un’altra bizzarra “priorità”. “Celebrerò il matrimonio di un ex-terrorista, che ha fatto venticinque anni di carcere, ha pagato il suo debito con la giustizia ed ora ha il diritto di reinserirsi nella società”.

La grintosa affermazione del Sindaco ci lascia perplessi, noi solitamente abituati alla sua calma che quasi sfocia nella timidezza, stavolta Fassino ha “ringhiato” alla folla, peccato che la motivazione non fosse condivisa da tutti.

Il vice capogruppo del Pdl in Regione, Augusta Montaruli ritiene l’affermazione di Fassino “un’offesa nei confronti delle vittime..” e non ha neanche tutti i torti.

Poco importa che Torino sia il comune più indebitato d’Italia, ne tanto meno interessa l’inquinamento alle stelle, ora la priorità del Sindaco è un bel matrimonio non di un delinquente qualsiasi, ma di un vero e proprio terrorista ( la parola ex stona un po’).

Nessuno discute la possibilità del reinserimento dopo lo sconto della pena, tuttavia tale fase deve essere intrapresa in un mesto e dignitoso silenzio, nel rispetto, quello sì, di chi ha subito le malefatte del “recuperato”.

Un’ultima nota: si rileva la solita sfacciata reverenza dei giornali di parte, che hanno descritto l’evento in toni trionfalistici.

di Gabriele Tebaldi

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

La missione degli antiliberisti contro la politica gossip

Non è che il liberismo usi il gossip; il liberismo “è” il gossip, ossia superficialità, …