Home / Affari di Palazzo / Politica interna / Fassino: dopo la campagna elettorale l’agenda incontri diventa tristemente vuota

Fassino: dopo la campagna elettorale l’agenda incontri diventa tristemente vuota

Condividi quest'articolo su -->

TORINO – A distanza ormai di un anno solare dall’elezione di Piero Fassino sul soglio sindacale torinese possiamo tirare le somme di quest’avventura non proprio esaltante del Primo Cittadino, originario di Avigliana.

Dopo le tante critiche uscite dalla pagine del nostro giornale vorremmo ora dar spazio all’altra campana, presentandovi brevemente il sito ufficiale del Sindaco, visibile su www.pierofassinosindaco.it.

Lo spazio virtuale è stato allestito in pompa magna, sulla Home Page potrete osservare il sorriso gaudente dell’ex affiliato del Pci. Le immagini che si susseguono sono trionfali e creano un senso di appagamento e sicurezza agli utenti del sito.

Nella sezione video c’è spazio per una chicca: il Sindaco si è recentemente prestato per un'”intervista pedalata”, il cui tema centrale erano le multe da dare alle auto in divieto di sosta, tanto per cambiare. Il Sindaco nonostante la splendida forma, appare lievemente affaticato dalla pedalata, soprattutto nella parte finale quando il fiatone diventa incalzante.

Ciò che tuttavia stupisce del sito ufficiale del Sindaco è la sezione denominata “Agenda”: questa alla voce “tutti gli appuntamenti” risulta desolatamente vuota. Mentre risulta minuziosamente curata la parte relativa agli appuntamenti dell’aprile 2011, proprio quelli risalenti alla campagna elettorale.

Come mai allora Signor Sindaco questa imperdonabile omissione? Agli occhi dei fruitori del web sembra che Lei, una volta eletto, abbia interrotto qualsiasi incontro o azione in giro per il capoluogo piemontese. Dimenticanza dell’informatico di corte o triste anticipazione di un’apatia reale?

Sarebbe bastato riempire la sezione anche con appuntamenti farlocchi o a cui lei doveva andare ma non v’è riuscito e invece nulla, è stato preferito il silenzio. Peccato perché l’eroica pedalata prefiggeva ben altri scenari.

di Gabriele Tebaldi

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Le ragioni del NO di Augusto Sinagra

Nell’eterna diatriba tra la necessità di snellire l’apparato legislativo e il rischio di svilire il …