Home / Affari di Palazzo / MES: la clamorosa retromarcia degli economisti dell’élite

MES: la clamorosa retromarcia degli economisti dell’élite

Fa davvero impressione la marcia indietro degli economisti dell’establishment sul MES.

di Giuseppe Masala

Avevano sollevato enormi perplessità Giampaolo Galli (ex Banca d’Italia, parlamentare PD, ecc…), Alessandro Penati (ex FMI, ecc…), Carlo Cottarelli e addirittura la Banca d’Italia per voce del suo Governatore Visco, senza considerare il presidente dell’Abi Patuelli. Nel giro di 24 ore abbiamo assistito alla più spettacolare giravolta che si possa ricordare.

Banca d’Italia dichiara ufficialmente che non ci sono problemi, Giampaolo Galli con sprezzo del ridicolo twitta compulsivamente che il MES è solo “un’assicurazione sul debito pubblico“, tentando di far dimenticare le sue parole nell’audizione parlamentare – dove dichiarò che il MES “è un colpo di pistola alla tempia del risparmiatore italiano” (parole sue, messe a verbale negli atti parlamentari). Gli altri, da Cottarelli a Penati fino a Patuelli, hanno preferito un dignitoso silenzio, non umiliandosi a tal punto da rimangiarsi le proprie parole.

Sembra che sia arrivata una voce dall’Alto (Colle): il MES va approvato a tutti i costi e dunque gli economisti delle élites devono sponsorizzare.

Senza voler ritornare sulle tecnicalità già esposte in tutte le salse possibili, sono ormai persuaso che l’approvazione di questo Trattato Capestro ha finalità politiche, visto che tecnicamente e finanziariamente è una follia. A sostegno di questa convinzione si può pensare a quanto accadde in Grecia. L’accordo capestro con la Trojka (FMI, BCE e Commissione) fu firmato dallo screditatissimo Papandreu, non da Tsipras, come molti pensano.

Uguale per l’Italia, se questo governo nato con un colpo di Palazzo e che certamente non gode dei favori popolari, firma il MES, a quel punto basta attendere la crisi autogenerata con le banche italiane che liquidano i titoli di Stato, facendo aumentare esponenzialmente i tassi e successivamente la necessità di ricorrere al MES.

A quel punto il popolo italiano potrà votare chi gli pare: potrà dare la maggioranza a Salvini, alla Meloni od ai bolscevichi di Rizzo, cambia poco. Chi comanda sarà il Consiglio d’Amministrazione del MES (che è il nuovo nome della Trojka). Saremmo ridotti a Protettorato ed a colonia da raziare. Siamo nelle mani dei ragazzi del M5S, che hanno una responsabilità storica.

Leggi anche:

La riforma del MES è una bomba pronta ad esplodere

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Il repentino smarcamento di Repubblica da Renzi

In attesa di capire se e quanto ci sia di vero nelle indiscrezioni sui finanziamenti …