Home / Affari di Palazzo / La civiltà occidentale ha un futuro o è già nella tomba?

La civiltà occidentale ha un futuro o è già nella tomba?

Protesters throw a statue of slave trader Edward Colston into Bristol harbour, during a Black Lives Matter protest rally, in Bristol, England, Sunday June 7, 2020, in response to the recent killing of George Floyd by police officers in Minneapolis, USA, that has led to protests in many countries and across the US. (Ben Birchall/PA via AP) ORG XMIT: AMB830

Condividi quest'articolo su -->

I Sandia National Laboritories, un laboratorio per lo sviluppo di armi nucleari finanziato dal governo degli Stati Uniti, richiede che i suoi dipendenti bianchi siano soggetti a indottrinamento in sessioni di formazione in cui i propagandisti critici della teoria della razza dicono ai dipendenti bianchi che sono razzisti, perché hanno il privilegio bianco a causa del colore della loro pelle.

di Paul Craig Roberts

Uno dei dipendenti bianchi maltrattati, Casey Peterson, ha prodotto un video che rifiutava la propaganda del razzismo bianco sistemico e del privilegio bianco. Dal momento che i bianchi negli Stati Uniti subiscono questo tipo di abuso da parte del governo e dei datori di lavoro privati, il video è diventato virale.

I dirigenti bianchi di Sandia hanno buttato Peterson fuori dalla rete di posta elettronica di Sandia in modo che non potesse ricevere sostegno dai suoi 16.000 colleghi, che ne hanno abbastanza di capi bianchi che odiano sé stessi e che denigrano i dipendenti bianchi.

I capi razzisti anti-bianchi di Sandia sono stati identificati come James Peery, direttore, Dori Ellis, direttore associato, David White, capo del Cyber ​​R&D Center e Mark Sellers, direttore associato per la divisione Mission Assurance:

Questi bianchi che odiano sé stessi

“hanno chiarito che vogliono per imporre ai propri dipendenti una teoria critica della razza, corsi di formazione separati su base razziale e campi di rieducazione per i maschi bianchi”. Ogni dissenso sarà severamente punito. Coloro che accetteranno la rieducazione saranno i promossi. Coloro che rifiutano il lavaggio del cervello saranno gli epurati.

Tutto questo sta accadendo durante l’amministrazione Trump. Significa forse che Trump approva l’uso dei dollari dei contribuenti per inculcare forzatamente ai dipendenti bianchi di società finanziate dal governo che sono razzisti?

No. Come persona che ha trascorso un quarto di secolo a Washington, posso dirvi che i presidenti conoscono solo una piccola percentuale delle decisioni che il governo prende durante il loro mandato. La maggior parte delle persone al governo servono sé stesse, non il presidente e non il pubblico e servono sé stesse servendo gruppi di interesse privati. Diventano lobbisti all’interno del governo per interessi privati. Questo fatto fondamentale vanifica la speranza liberale di un governo benefico.

La domanda che ha bisogno di una risposta

è perché i dirigenti bianchi che gestiscono Sandia stanno distruggendo la fiducia dei dipendenti bianchi verso le loror radici? Se il Congresso rappresentasse davvero il popolo americano, ci sarebbe un’indagine.

I dirigenti corrotti di Sandia che stanno usando i soldi dei contribuenti per insegnare ai loro dipendenti bianchi a odiarsi per i loro peccati razzisti hanno messo Peterson in congedo amministrativo mentre cercano di inventarsi un caso per cui le “azioni [di Peterson] hanno costituito o rappresentato una minaccia per la sicurezza informatica dei sistemi di Sandia”. Naturalmente, i corrotti dirigenti razzisti anti-bianchi scopriranno che Peterson “rappresentava una minaccia per i sistemi di sicurezza” obiettando alla propaganda anti-bianca.

Ciò che è in corso a Sandia è in corso a tutti i livelli di governo, statale, locale e federale. Succede anche presso aziende, sia pubbliche che private. Ad esempio, conosco un ingegnere del software impiegato da una società privata che ha dovuto partecipare a una sessione di formazione sulla sensibilità in cui i dipendenti maschi bianchi dovevano alzarsi in piedi ed essere identificati come oppressori dei dipendenti donna e dei non bianchi.

Ora ci sono un gran numero di aziende

il cui servizio è denigrare i maschi bianchi in sessioni obbligatorie di formazione sulla sensibilità che ora fanno parte degli obblighi di lavoro presso aziende private, governative e finanziate dal governo.

A causa della vasta popolarità dei miei articoli, ricevo numerose e-mail da impiegati maschi bianchi che descrivono quanto odiano il loro lavoro, a causa dell’ostilità dei loro capi donna e neri verso i maschi bianchi. Pregano per un capo asiatico – cinese, giapponese, coreano – perché li giudica dalle prestazioni e non da un’ideologia anti maschio bianco. I capi bianchi sono inaffidabili, perché devono essere capi essendo maschi bianchi che odiano sé stessi.

Quello che ho riportato sono i fatti di oggi. Eppure sentiamo continuamente che essere bianchi è un privilegio. Questo presunto privilegio, se esiste, è molto raro. Nessun maschio bianco, a meno che non si odi sé stesso, ha privilegi bianchi ai Sandia National Laboritories. Né alla società di software del mio amico.

Nel suo libro, The Blackening of Europe

Clare Ellis descrive le idee che nel corso dei decenni hanno distrutto nelle etnie bianche europee di fiducia nella loro cultura e nei risultati. Questo sradicamento che distrugge l’autostima ha consentito in numerose città americane rivolte e saccheggi in gran parte incontrastati. I liberali bianchi che governano queste città non hanno l’autostima necessaria per mantenere legge ed ordine. Sono stati convinti che legge ed ordine siano un privilegio dei bianchi.

Che Trump vinca o meno la rielezione, la civiltà occidentale potrebbe essere già nella sua tomba, uccisa dai liberali bianchi.

Ma se Trump perde la rielezione in modo equo, sarà una prova definitiva che la struttura di credenze che sostiene la civiltà occidentale è completamente crollata e gli stessi occidentali avranno votato la propria fine.

Traduzione di Costantino Ceoldo

 

Leggi anche:

Follia dem: vogliono abolire la polizia a Minneapolis

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

Referendum: promemoria per gli elettori del SI’

Il fronte del taglio ha trionfato con percentuali bulgare. Adesso però, a scrutini chiusi e …