Home / Affari di Palazzo / Follia russofoba: l’Ucraina mette una taglia su Al Bano

Follia russofoba: l’Ucraina mette una taglia su Al Bano

L’entrata del cantante Al Bano nella lista del Governo ucraino rappresenta in maniera limpida i tratti grotteschi, quasi tragicomici, che ha assunto la russofobia dilagante in Europa.

Il Ministero della Cultura di Kiev ha infatti aggiornato la lista delle persone “non gradite” e considerate pericolose per la sicurezza nazionale.

Al Bano, un pericolo per Kiev?

Una lunga lista nera contenente 147 persone, tra cui compare inspiegabilmente il famoso cantante pugliese Albano Carrisi, meglio conosciuto come Al Bano. Oltre a essere simbolo della canzone leggera italiana nel mondo, su tutte “Felicità”, Al Bano è diventato ora, suo malgrado, conosciuto ai piano alti del Governo ucraino. La sua colpa? Un’intervista risalente al 2014 in cui esprimeva un giudizio favorevole rispetto alla politica di Putin.

Questo è bastato a Kiev per inserire nella sua blacklist il cantante, peraltro conosciutissimo proprio nell’est Europa. La decisione ha preso tutti alla sprovvista, soprattutto l’ignaro protagonista.

È una nefandezza. Hanno preso un abbaglio, non c’è altra spiegazione. Le sembro una minaccia per la sicurezza nazionale, io? Cosa sono? Un attentatore? Un terrorista? Ma siamo seri… Cantare è il mio pregio. Se il fatto che canto può aver dato fastidio a qualcuno, non lo so. Ho tanti fan in Ucraina, ci ho cantato due volte, voglio bene a quel popolo e non mi va giù che il governo mi abbia bollato come minaccia per la sicurezza nazionale. Voglio andare fino in fondo a questa storia. Ne parlo con il mio avvocato.

L’Unione europea sostiene la democrazia ucraina…

Al Bano è giustamente risentito per questa immeritata macchia sulla sua carriera. Occorre ricordare come la stessa sorte fosse già capitata all’attore italiano Michele Placido, anch’egli “bannato” dall’Ucraina per aver pronunciato frasi di apprezzamento su Vladimir Putin.

Federica Mogherini insieme al Presidente ucraino Petro Poroshenko

Oltre alla dissennatezza delle scelte di Kiev, inspiegabilmente impaurito di poter avere un cantante italiano ultrasettantenne all’interno dei suoi confini, più di ogni altra cosa stupisce l’indifferenza dell’Unione europea rispetto a queste decisioni dai tratti liberticidi.

L’Unione europea è partner dell’Ucraina ed è il più forte sostenitore degli sforzi per costruire una democrazia e una economia stabili e prospere.

Aveva dichiarato in tempi non sospetti l’Alto Rappresentante per la politica estera dell’Union europea, Federica Mogherini. Pieno sostegno alla democrazia ucraina dunque, salvo poi girarsi dall’altra parte quando il Governo di Kiev prende simile provvedimenti in maniera ingiustificata e nel più libero arbitrio.

 

Leggi sullo stesso argomento:

Gli ucraini anti Putin uccidono rom, nel silenzio di Saviano

Di Gabriele Tebaldi

Gabriele Tebaldi
Classe 1990, giornalista pubblicista, collabora con Elzeviro dal 2011, quando la testata ha preso la conformazione attuale. Laurea e master in ambito di scienze politiche e internazionali. Ha vissuto in Palestina, Costa d'Avorio, Tanzania e Tunisia.

Cerca ancora

Pif e Saviano guidano l’opposizione: la sinistra è messa male

A intervalli irregolari si destano alcune figure nel panorama dell’opposizione politica italiana, tra queste spiccano …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − 12 =