Home / Affari di Palazzo / Evasione ed elusione: i veri responsabili sono i colossi

Evasione ed elusione: i veri responsabili sono i colossi

Dati che smentiscono un luogo comune: in Europa, l'Italia non è la peggiore quanto ad evasione fiscale, anzi. Il trono è della Germania

L’evasione e l’elusione fiscali sono fenomeni in particolar modo esercitati non dai piccoli commercianti o dagli artigiani – strozzati da un’alta pressione fiscale -, bensì dalle multinazionali, i cui stratagemmi per non pagare sugli enormi introiti guadagnati sono ampi e subdoli.

Autore: Gilberto Trombetta

La surreale crociata contro i piccoli evasori – l’idraulico mascherato che non rilascia fattura, il barista col cappuccio che non fa lo scontrino -, comincia a mostrare qualche segno di logoramento anche sulla stampa dominante, che questa narrazione l’ha creata e portata avanti per anni.

Perché per parlare costantemente di quella goccia nel mare facendo i pesci in barile davanti ai vari colossi internazionali che fatturano milioni e milioni di ricavi, pagando però poche briciole al fisco, serve una gran dose di faccia tosta e di ipocrisia. Ipocrisia che viene smascherata davanti a numeri così eclatanti.

Succede per esempio che Spotify, il colosso dello streaming musicale, nel 2018 solo in Italia abbia fatturato 9 milioni di euro a fronte di 69.000 euro di tasse pagate.

Più in generale, nel 2018 la perdita causata dalle grosse compagnie che eludono le tasse tramite i paradisi fiscali ammontava a 37,8 miliardi di euro.

Nello stesso anno l’evasione fiscale imputabile all’uso del contante per i baristi che non emettono lo scontrino e gli idraulici che non rilasciano fattura, valeva invece 8 miliardi di euro. Quella dovuta alle società di capitali che non dichiarano quanto dovuto, 22,4 miliardi di euro. Quella riconducibile all’economia sommersa (circa 2.900.000 lavoratori), 34,3 miliardi. Infine, quella prodotta dall’economia criminale, 78,2 miliardi.

Vuol dire, in soldoni, che su un’evasione totale stimata sui 180,7 miliardi di euro nel 2018, quella riconducibile ai nuovi nemici pubblici per eccellenza, idraulici e baristi, rappresenta il 4,4% del totale. Quella delle grandi compagnie ammonta al 21% del totale. Più di 5 volte della piccola evasione.

Numeri così in contrasto che il dubbio sta vendendo anche al Sole24Ore, il giornale di Confindustria.

Dopo la partita doppia e la domanda aggregata, forse è la volta buona che imparino anche il concetto di elusione. Ricordiamo che l’Europa è il continente col maggior numero di paradisi fiscali al mondo insieme al Sud America.

Com’è giusto ricordare che in un regime di libera circolazione di capitali, merci e lavoro, combattere questi fenomeni vuol dire andare a mani nude contro i mulini a vento.

Dati che smentiscono un luogo comune: in Europa, l’Italia non è sul trono quanto ad evasione fiscale, anzi. Germania, Regno Unito e Francia fanno peggio

Revisione ed impostazione grafica: Lorenzo Franzoni

Leggi anche:

Eliminazione del contante e crociata contro l’evasione: Conte dichiara guerra alla classe media

Di Lorenzo Franzoni

Lorenzo Franzoni
Nato nel 1994 a Castiglione delle Stiviere, mantovano di origine e trentino di adozione, si è laureato dapprima in Filosofia e poi in Scienze Storiche all'Università degli Studi di Trento. Nella sua tesi ha trattato dei rapporti italo-libici e delle azioni internazionali di Gheddafi durante il primo decennio al potere del Rais di Sirte, visti e narrati dai quotidiani italiani. La passione per il giornalismo si è fortificata in questo contesto: ha un'inclinazione per le tematiche di politica interna ed estera, per le questioni culturali in generale e per la macroeconomia. Oltre che con Elzeviro.eu, collabora con il progetto editoriale Oltre la Linea dal 2018 e con InsideOver - progetto de il Giornale - dal 2019.

Cerca ancora

Istruzione: l’Italia non spende, e peggiora se stessa

Quello dell’istruzione, quello del sapere, è un problema da tempo ben radicato in Italia. I …