Home / Affari di Palazzo / Esteri / Ecco il piano americano per far cadere l’Iran

Ecco il piano americano per far cadere l’Iran

Condividi quest'articolo su -->

Le fondamenta del grande Vicino Oriente furono stabilite col Patto del Quincey (1945) in seguito alla dottrina degli accordi franco-britannici Sykes-Picot del 1916 che favorivano la divisione regionale del potere nelle aree di influenza e sostenevano il tripode USA – Egitto – Arabia Saudita.

di Germán Gorráiz López

Questa dottrina consisteva nella sopravvivenza endemica in Egitto di governi militari autocratici pro-occidentali, cosa che assicurò la sopravvivenza dello Stato di Israele (1948) e fornì alla Marina americana un accesso privilegiato al Canale di Suez, una scorciatoia cruciale per l’accesso diretto agli Emirati Arabi Uniti, l’Iraq e l’Afghanistan, rimanendo come un forte bastione degli interessi geopolitici statunitensi nell’area, soprattutto dopo la caduta dello Shah della Persia nel 1980.

L’altro pilastro dell’accordo consisteva nell’accesso privilegiato degli Stati Uniti al petrolio dell’Arabia Saudita in cambio della conservazione del suo regime autocratico e favorendo la diffusione del Wahhabismo (dottrina fondata da Mohamed Abdel Wahab a metà del XVIII secolo con l’obiettivo di diventare una visione attraente per l’Islam ed esportabile per il resto dei Paesi arabi), con la quale la teocrazia saudita è diventata una potenza regionale che ha fornito agli Stati Uniti la chiave per il dominio dell’energia, fungendo da muro di contenimento per le correnti socialiste e panarabiche.

Alla fine, dopo la Guerra dei Sei Giorni (1967), il puzzle geostrategico del Medio Oriente e del Vicino Oriente fu completato con l’istituzione di regimi autocratici e filo-occidentali nei Paesi circostanti Israele (Libia, Siria, Giordania, Arabia Saudita, Iraq e l’Iran), lasciando i palestinesi confinati nei ghetti della Cisgiordania e di Gaza.

Iraq e piano Biden

Il piano Biden-Gelb, approvato dal Senato degli Stati Uniti nel 2007 e respinto da Condolezza Rice, Segretario di Stato con George W. Bush, prevedeva l’istituzione in Iraq di un sistema federale al fine di prevenire il crollo nel Paese dopo il ritiro delle truppe statunitensi e ha proposto di separare l’Iraq in entità curde, sciite e sunnite, sotto un governo federale a Baghdad incaricato della cura dei confini e dell’amministrazione delle entrate petrolifere.

Quindi, avremmo assistito all’apparizione di un Kurdistan libero presieduto da Masoud Barzani con capitale a Kirkust e che avrebbe incluso aree annesse che sfruttano il vuoto di potere lasciato dall’esercito iracheno come Sinkar o Rabia nella provincia di Ninive, Kirkuk e Diyala così come tutte le città di etnia curda siriana (tranne Hasaka e Qamishli) occupate dall’insurrezione curda del BDP.

Il nuovo Kurdistan

avrebbe la benedizione degli Stati Uniti ed autonomia finanziaria possedendo il 20% delle installazioni di tutto il greggio iracheno con la condizione “sine qua non” di rifornire la Turchia, Israele e l’Europa orientale di petrolio curdo attraverso l’oleodotto Kirkust che sfocia nel porto turco di Ceyhan.

D’altra parte, il Sunnistan con capitale Mosul e che avrebbe coperto le città sunnite di Ramadi, Falluja, Mosul, Tal Afar e Baquba (triangolo sunnita), con forti connessioni con l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti e che in seguito avrebbe portato a un movimento radicale islamico che utilizzerebbe l’arma petrolifera per strangolare le economie occidentali nell’orizzonte del prossimo quinquennio.

Infine, come terza tappa del treppiede, avremmo il Chi iracheno con capitale Baghdad che controbilancerebbe il Wahhabismo saudita e che graviterebbe nell’orbita di influenza dell’Iran, che renderebbe l’Iran una grande potenza regionale in chiaro conflitto con l’Arabia Saudita e Israele.

Iran, guardiano del Golfo e potenza energetica

L’Iran ha acquisito una dimensione di potere regionale grazie alla politica irregolare degli Stati Uniti in Iraq, (frutto di una miopia amministrativa politica ossessionata dall’Asse del Male) eliminando i suoi rivali ideologici, i radicali talebani sunniti e Saddam Hussein con il successivo vuoto di potere in zona.

Ha anche proposto un negoziato globale con il gruppo di contatto per affrontare tutti gli aspetti che hanno affrontato i Paesi occidentali per trent’anni, sia l’embargo soffocante che ha afflitto la Repubblica islamica sia i beni iraniani bloccati negli Stati Uniti, il ruolo della cooperazione regionale dell’Iran e la cooperazione in materia di sicurezza in Iraq e in Afghanistan.

Il presidente Mahmoud Ahmadinejad ha teso la corda al limite nella sicurezza che gli Stati Uniti non avrebbero attaccato e avrebbero limitato qualsiasi azione individuale da parte di Israele (un progetto scartato di bombardare la fabbrica di Natanz con jet commerciali), dal momento che un blocco dello Stretto di Hormuz attraverso cui passa un terzo del traffico energetico mondiale potrebbe aggravare la recessione economica globale e indebolire profondamente l’intero sistema politico internazionale.

Pertanto, in un’intervista con Brzezinski condotta da Gerald Posner in The Daily Beast (18 settembre 2009), ha dichiarato che “uno scontro tra Iran e America avrebbe avuto effetti disastrosi per gli Stati Uniti e la Cina, mentre la Russia sarebbe emersa come il grande vincitore, dal momento che la prevedibile chiusura dello Stretto di Hormuz nel Golfo Persico dove transita il petrolio destinato al Nord-est asiatico (Cina, Giappone e Corea del Sud), l’Europa e gli Stati Uniti, aumenterebbe il prezzo dell’oro nero a livelli stratosferici e avrebbe gravi ripercussioni sull’economia globale, diventando totalmente dipendente l’Unione Europea dalla Russia.

Secondo gli esperti, l’Iran avrebbe la terza più grande riserva

verificata al mondo di petrolio e gas, ma non avrebbe abbastanza tecnologia per estrarre il gas dai campi più profondi e richiederebbe un urgente investimento multimilionario per evitare il deterioramento irreversibile delle sue strutture, che in pratica si traduce in un’enorme torta per le multinazionali russe, cinesi e occidentali e un aumento dell’offerta di petrolio iraniano a 1,5 milioni di barili / giorno entro un anno, con il conseguente calo dei prezzi dei greggi di riferimento Brent e Texas.

Inoltre, la rivitalizzazione dell’accordo di cooperazione energetica del 2010 tra Iraq, Iran e Siria per la costruzione del gasdotto South Pars-Homms, che collegherebbe il Golfo Persico con il Mar Mediterraneo, relativizzerebbe l’importanza strategica del Progetto Trans-Adriatic Gas Pipeline (TAP), (un sostituto del fallito gasdotto Nabucco progettato dagli Stati Uniti per il trasporto di gas azero in Europa attraverso la Turchia), nonché il ruolo rilevante degli Emirati Arabi Uniti come fornitori di petrolio greggio in Occidente, il che spiegherebbe l’entusiasmo del Qatar, dell’Arabia Saudita e della Turchia per averlo silurato.

Iraq e Iran sono l’esca per gli Stati Uniti per coinvolgere la Russia e la Cina in una nuova guerra?

Zbigniew Brzezinski, ex consigliere per la sicurezza nazionale dell’ex presidente Carter, in un discorso al Consiglio Nazionale Iraniano-Americano (NIAC) ha dichiarato che “credo che gli Stati Uniti abbiano il diritto di decidere la propria politica di sicurezza nazionale e di non seguire come uno stupido mulo ciò che fanno gli israeliani”.

Inoltre, Brzezinski si sarebbe trovato di fronte alle lobby neocon repubblicane ed ebraiche degli Stati Uniti e con il suo morso abituale avrebbe screditato la miopia geostrategica di entrambi i gruppi di pressione affermando che “sono così ossessionati da Israele, il Golfo Persico, Iraq e Iran che hanno perso [la visione] del quadro globale: le vere potenze nel mondo sono  Russia e Cina, gli unici Paesi con una vera capacità di resistere agli Stati Uniti e all’Inghilterra e su cui dovrebbero concentrare la loro attenzione”.

Saremmo quindi in un momento cruciale

per definire il futuro mediato del Medio Oriente poiché dopo l’arrivo di Donald Trump dalla Casa Bianca la pressione della lobby filoisraeliana degli Stati Uniti (AIPAC) sarebbe aumentata per procedere alla destabilizzazione dell’Iran con metodi rapidi.

Un momento che verrà utilizzato dagli Stati Uniti, dalla Gran Bretagna e da Israele per procedere alla riprogettazione della cartografia del puzzle non correlato formato da questi Paesi e raggiungere così confini strategicamente vantaggiosi per Israele, seguendo il piano orchestrato 60 anni fa congiuntamente dai governi della Gran Bretagna, degli Stati Uniti e di Israele e che avrebbero il sostegno dei principali alleati occidentali.

Quindi, dopo l’approvazione da parte del Congresso e del Senato degli Stati Uniti di una dichiarazione preparata dal senatore repubblicano Lindsey Graham e dal democratico Robert Menéndez, che afferma chiaramente che “se Israele è costretto a difendersi e ad agire (contro l’Iran), gli Stati Uniti saranno al duo fianco per sostenerlo militarmente e diplomaticamente”, con l’amministrazione Trump assistiamo all’aumento della pressione della lobby pro-israeliana degli Stati Uniti (AIPAC) per procedere alla destabilizzazione dell’Iran con metodi rapidi.

In una prima fase di tale piano

il Senato degli Stati Uniti ha rinnovato all’unanimità il Sanctions Against Iran Act (ISA) fino al 2026 e dopo il lancio di un nuovo missile balistico da parte dell’Iran, Trump ha esteso le sanzioni contro diverse compagnie iraniane legate a missili balistici senza violare l’Accordo Nucleare siglato tra il Gruppo dei 5 e l’Iran nel 2015, noto come Piano d’Azione Comune Globale (JCPOA).

Sanzioni che sarebbero solo fuochi d’artificio per distogliere l’attenzione dal piano machiavellico delineato dall’Alleanza anglo-ebraica nel 1960 che includerebbe la balcanizzazione dell’Iran e la cui svolta sarebbe il recente assassinio del carismatico generale Qasem Soleimani.

Questa guerra sarà un nuovo episodio locale che verrebbe inquadrato nel ritorno al ricorrente endemismo della guerra fredda USA-Russia e che coinvolgererebbe entrambe le superpotenze che hanno, come necessari collaboratori, le potenze regionali (Israele, Egitto, Arabia Saudita e Iran), coprendo lo spazio geografico che si estende dall’arco del Mediterraneo (Libia, Siria e Libano) allo Yemen e alla Somalia e che ha l’Iraq come epicentro (ricordando la guerra del Vietnam con Lindon B. Johnson (1963-1969).

Pertanto, Siria, Iraq e Iran potrebbero essere solo l’esca per attirare sia la Russia che la Cina e dopo aver innescato una concatenazione di conflitti locali (Siria, Iraq e Libano), portare ad un grande conflitto regionale che segnerà il futuro dell’area nei prossimi anni.

 

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

 

Leggi anche:

È tempo di ripristinare l’accordo Iran-nucleare (JCPOA)

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

KFC stamperà le crocchette di pollo in 3D

Kentucky Fried Chicken, una delle più famose catene di fast food statunitensi, ha annunciato in …