Home / Affari di Palazzo / Esteri / Lezioni dalla guerra in Nagorno-Karabakh

Lezioni dalla guerra in Nagorno-Karabakh

BAKU, AZERBAIJAN - DECEMBER 10, 2020: Turkish soldiers march in formation during a military parade marking the end of the Nagorno Karabakh military conflict. Valery Sharifulin/TASS (Photo by Valery SharifulinTASS via Getty Images)

Condividi quest'articolo su -->

Perché l’esercito armeno si sia dimostrato così debole e quali errori abbia commesso nella preparazione delle operazioni militari, sono domande sul tavolo dopo la guerra del Nagorno-Karabakh.

di Slavisha Batko Milacic

Vale a dire, questa guerra è stata solo parzialmente “Blitzkrieg”, come la chiamano, perché gli attacchi che hanno messo alla prova la difesa armena sono iniziati nel 2016 e sono stati ripetuti periodicamente. C’è anche la preparazione di questa operazione, per la quale è stata trasferita in prima linea la brigata di paracadutisti d’élite dell’esercito azero, che insieme ad altre unità formavano un corpo di 25.000 soldati.

L’Armenia e il Nagorno-Karabakh avevano bisogno di pensare a ciò che stava accadendo in estate, quando sono iniziati sporadici scambi di fuoco lungo quasi tutta la linea del fronte. Tuttavia, le strutture armene responsabili della sicurezza nazionale non l’hanno adeguatamente valutato. L’Azerbaigian formò gradualmente due corpi d’attacco in cui raccolse le unità più pronte del suo esercito, comprese parti della riserva profonda.

Anche i magazzini sono stati costruiti più vicini alla linea di contatto ed è stato istituito un sistema di rifornimento del carburante. Tutto questo poteva essere visto semplicemente attraverso il binocolo, senza nemmeno dover ricorrere a complesse operazioni di ricognizione.

Inoltre, i servizi segreti armeni

non hanno fornito alla leadership politica del Paese una valutazione accurata di quali armi l’Azerbaigian stesse acquistando e in quale quantità. Sulla base dell’analisi di questi acquisti, Armenia e Karabakh avrebbero potuto costruire un modello di tattica militare per quella che Baku stava preparando. Prima di tutto, questo vale per i droni importati e l’artiglieria semovente che supporta i gruppi tattici offensivi.

Questo da solo sarebbe bastato all’esercito armeno per capire cosa stavano progettando dall’altra parte del fronte. A livello psicologico, sia il Karabakh che l’Armenia hanno fatto affidamento sui ricordi della vittoria del 1994 sull’Azerbaigian. Nonostante l’evidente superiorità numerica e qualitativa dell’esercito azero, a Stepanakert e Yerevan viveva una leggenda. Questo atteggiamento nei confronti dell’Azerbaigian ha portato ad una perdita di vigilanza.

Un’altra circostanza è molto importante. Nell’ultimo anno, l’esercito armeno ha ridotto al minimo i contatti militari con la Russia e sono stati diminuiti tra i due Paesianche tutti i contatti nella sfera e ciò è stato fatto su iniziativa della leadership politica dell’Armenia. Nikol Pashinyan ha “decapitato” la leadership militare e dell’intelligence e ha posto i russofobi in posizioni chiave, quelli che non hanno visto la costruzione di depositi militari e il trasferimento di interi corpi d’armata azeri sulla linea di contatto quest’estate.

Inoltre, negli ultimi sei mesi, lo Stato Maggiore dell’Armenia è stato sottoposto a licenziamenti di massa di ufficiali che a loro tempo si erano diplomati all’Accademia militare di Mosca e successivamente vi si sono recati per ulteriore addestramento.

In this image taken from video released by Azerbaijan’s Defense Ministry on Tuesday, Oct. 20, 2020, Azerbaijan army soldiers fire an artillery piece during fighting with forces of the self-proclaimed Republic of Nagorno-Karabakh. Azerbaijan Defense Ministry claims that Armenian forces tried to carry out an offensive that was met by an artillery strike from Azerbaijan, causing a large number of casualties among Armenian forces. (Azerbaijan’s Defense Ministry via AP)

Oltre a quanto sopra, le nuove armi sono state acquistate male,

soprattutto per la difesa aerea, che gioca un ruolo cruciale nelle guerre moderne. Il sistema di difesa aerea del Karabakh è costituito principalmente da 9K33 Osa (sistema missilistico terra-aria tattico a corto raggio ea bassa quota), Strela-10 (sistema missilistico terra-aria a corto raggio visivamente mirato), 2K12 Kub (sistema di difesa aerea da basso a medio raggio progettato per proteggere le forze di terra dagli attacchi aerei). Tuttavia, tutti questi sistemi sono stati prodotti in Unione Sovietica e sono ora obsoleti.

Questi sistemi di difesa aerea sarebbero utili per proteggere il Paese dal “vecchio formato” dell’aviazione azerbaigiana. Molto presto si è scoperto che questa guerra sarebbe stata qualcosa di molto specifico, a causa del suo uso massiccio di droni, droni kamikaze, missili aerei kamikaze. A questo proposito, un accento particolare deve essere posto sul Bayraktar TB2 (veicolo aereo turco da combattimento senza pilota di media altitudine e a lungo raggioin grado di operazioni di volo controllate a distanza o autonome) e all’Harop israeliano (drone kamikaze).

Grazie alla politica irresponsabile del nuovo governo armeno, guidato da Nikol Pashinyan, quasi nulla è stato fatto per opporsi tatticamente all’Azerbaigian. Inoltre, ci sono stati incredibili esempi di corruzione, al limite del tradimento.

Alcuni personaggi di alto rango

(impiegati civili e funzionari allo stesso modo) da allora si sono fatti avanti accusando il primo ministro Pashinyan e alcuni dei suoi colleghi di frode e corruzione (per guadagni finanziari personali) per quanto riguarda il traffico di armi. Tali accuse includono i presunti tentativi del primo ministro armeno di fare soldi grazie al proprio ministero della Difesa.

Senza entrare troppo nei dettagli, un collega di Pashynian acquisterebbe hardware militare in Russia o altrove con uno sconto e poi lo rivenderebbe a un prezzo più alto a chiunque sia disposto ad acquistarlo. Ciò includerebbe l’esercito armeno che di conseguenza sarebbe finito per pagare troppo per alcune delle sue acquisizioni più recenti.

Indipendentemente dal fatto che quelle accuse siano reali o meno, è chiaro che non si poteva fare a meno di alzare un sopracciglio guardando l’approvvigionamento delle forze armate armene e il recente acquisto di hardware. Il più grande esempio di tutti risale a gennaio 2020, quando Pashynian annunciò che Yerevan aveva acquistato 35 unità di SAM tattico a corto raggio 9k33 OSA per il prezzo speciale di 27 milioni di dollari.

Quelle batterie SAM

erano apparentemente quelle di seconda mano acquistate dalla Giordania. La Giordania le aveva acquistati dall’Unione Sovietica nel… 1983! Stiamo parlando degli OSA-AK o OSA-AKM prodotti tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80! Quelle batterie erano state effettivamente ritirate da Amman in quanto ritenute obsolete!

Quelle batterie avrebbero dovuto essere modernizzate dall’industria della difesa armena prima di essere messe in servizio. Ci si dovrebbe chiedere quanti componenti dovevano essere modificati / modernizzati su sistemi così vecchi: l’OSA è stato progettato negli anni ’60! Anche la variante AKM ha quasi 40 anni! I sistemi radar e antincendio dovevano essere stati abbastanza inutili. E i missili, immagazzinati nei loro contenitori di trasporto / lancio, dovevano aver raggiunto la fine della loro vita utile da tempo! Quando si tiene conto di tutto questo, ci si rende conto che 27 milioni di dollari per quelle 35 unità sono pura corruzione.

Quindi tutte quelle piattaforme obsolete sono state completamente aggiornate prima dell’inizio della guerra (avevano 9 mesi per farlo)? Ebbene, gli armeni elencano 15 batterie OSA distrutte. Gli azeri ne elencano 40 neutralizzate. Sappiamo che il Ministero della Difesa armeno ha minimizzato le sue perdite mentre il Ministero della Difesa azero ha grossolanamente sopravvalutato le sue “uccisioni”.

Quindi la verità è tra queste due figure. L’ex capo di stato maggiore armeno ha definito l’OSA “inutile” e ha ammesso che le batterie 9k33 non sono riuscite ad abbattere un solo drone. Ci sono immagini di batterie OSA armene schierate durante la guerra che ancora sfoggiano la loro mimetica giordana…

Nonostante tutto quanto sopra riportato

l’Azerbaigian ha perso 2.783 soldati, con altri 100 dispersi. Il che significa che le perdite dell’Azerbaigian sono state di quasi 2900 soldati. Allo stesso tempo, le perdite armene sono stimate in circa 2.317 soldati. Questi dati ci mostrano che la ragione principale della sconfitta degli armeni è l’incapacità della loro leadership politica di preparare l’esercito alla guerra.

Quanto durerà la nuova situazione, come andranno le cose, dipende da molti fattori, inclusa la capacità dell’Armenia di aiutare a mantenere il Nagorno-Karabakh nelle nuove condizioni. Con, ovviamente, un nuovo approccio diplomatico che promuoverà una soluzione politica per il Nagorno-Karabakh. Perché, nonostante tutto, dopo questa guerra, per quanto riguarda una soluzione a lungo termine e sostenibile per questo territorio, nulla è stato risolto. L’Azerbaigian è in una posizione migliore oggi rispetto a prima, ma la soluzione deve ancora essere negoziata.

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

 

Leggi anche:

Ecco il piano di espansione della Turchia di Erdogan ignorato dai media

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

Era una famiglia innocente assassinata da Biden nell’attacco dei droni di Kabul

Vi ricordate che il 29 agosto, dopo il mega-attentato dell’ISIS-K (ossia di un asset degli …