Home / Affari di Palazzo / Esteri / Israele attaccherà l’Iran?

Israele attaccherà l’Iran?

Condividi quest'articolo su -->

All’inizio dell’anno, le forze armate di Israele e dell’Iran sono state messe in massima allerta. Entrambe le parti si aspettavano un attacco. Israele ha persino armato la sua corvetta “Lahav” con due postazioni Iron Dome, cosa mai accaduta prima. C’è sempre stato un solo lanciatore [di quel tipo] sulle navi.

di Leonid Savin

L’Iran non ha intrapreso alcuna azione militare, mentre Israele ha lanciato attacchi alla Siria. Il 13 gennaio sono stati effettuati attacchi aerei sulla città siriana di Deirez-Zor e sulle zone di confine irachene. Più di cento persone sono state uccise, sia combattenti iracheni che militari siriani.

Il 21 gennaio l’aviazione israeliana ha effettuato l’ennesimo attacco alla Siria. Tel Aviv ha giustificato le sue azioni come misure preventive contro l’Iran, che presumibilmente sta trasformando la Siria in una sorta di Libano con numerose strutture paramilitari e depositi di armi.

Quindi, i funzionari israeliani hanno dichiarato pubblicamente che avrebbe attaccato l’Iran se gli Stati Uniti avessero revocato o allentato le sanzioni. Hanno anche chiesto a Washington di specificare al più presto quali azioni la nuova amministrazione della Casa Bianca intende intraprendere nei confronti dell’Iran.

Gli eventi recenti dimostrano che queste minacce potrebbero benissimo diventare una realtà

Il 31 gennaio, il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha visitato la sede del cosiddetto Depth Corps. Queste forze speciali sono state formate dallo stesso Gantz nel 2012, quando era comandante in capo delle forze di difesa israeliane e sono progettate per svolgere operazioni ben oltre i confini di Israele. Le loro azioni sono sempre svolte sotto un velo di segretezza e la preparazione può richiedere settimane e persino mesi.

La visita del ministro della Difesa è seguita sulla scia della dichiarazione del comandante in capo Aviv Kochavi, pochi giorni prima, secondo cui aveva ordinato l’elaborazione di nuovi piani per un attacco contro gli impianti nucleari iraniani per impedire al Paese di creare un’arma nucleare.

Il 29 gennaio, Gantz ha anche incontrato il comandante del comando centrale degli Stati Uniti, il generale Kenneth McKenzie, che era a Tel Aviv.

Pochi giorni prima che Donald Trump lasciasse la Casa Bianca

[il presidente americano] ha firmato un decreto che trasferisce Israele sotto la giurisdizione del Comando Centrale del Pentagono. Israele era precedentemente compreso nell’area di responsabilità del Comando europeo.

È stato riferito che Gantz e McKenzie hanno discusso lo stato attuale delle cose nella regione, compresa la situazione in Iran.

È anche noto dalle fughe di notizie ai media che il capo del Mossad, Yossi Coen, sta pianificando un viaggio a Washington nel prossimo futuro per incontrare il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, e trasmettere le obiezioni di Israele a un accordo con l’Iran, così come le loro azioni in Medio Oriente.

Oltre che dallo sviluppo nucleare dell’Iran, Israele è anche preoccupato dagli ultimi risultati di Teheran per quanto riguarda i programmi missilistici, nonché per le attività dei suoi partner ai confini di Israele, comprese varie fazioni palestinesi, Hezbollah in Libano e il governo siriano.

Un altro evento recente potrebbe diventare un motivo in più per lanciare un attacco contro l’Iran

Il 29 gennaio c’è stata un’esplosione presso l’ambasciata israeliana a Nuova Delhi. Sebbene nessuno sia rimasto ferito (solo poche auto parcheggiate nelle vicinanze sono state danneggiate), l’incidente è stato classificato come un attacco terroristico e il Mossad si è unito alle indagini. Allo stesso tempo, la polizia in India ha iniziato a detenere cittadini iraniani sulla base dei dati dell’Ufficio di Statistica e ad interrogarli sul loro coinvolgimento nell’attacco terroristico.

Ciò è stato fatto su richiesta di Israele, poiché gli israeliani credono che l’Iran stia pianificando un attacco di rappresaglia per gli omicidi del generale Soleimani e dello scienziato Mohsen Fakhrizadeh.

L’organizzazione estremista locale Jaish-Ul-Hind ha successivamente rivendicato la responsabilità dell’esplosione a Nuova Delhi. Tuttavia, Israele ritiene che l’organizzazione abbia legami con l’Iran, sebbene non ci siano prove per questo.

In effetti, i funzionari israeliani incolpano automaticamente l’Iran o Hezbollah praticamente per tutti questi incidenti.

Ad esempio, l’Iran è stato anche accusato di attacchi contro veicoli diplomatici israeliani in India e Georgia nel 2012.

Qual è la probabilità che Israele lanci effettivamente un attacco contro l’Iran?

Va notato che Israele ha esperienza nel bombardare luoghi simili

nel 1981 ha lanciato un attacco all’Iraq e, nel 2007, alla Siria. Sono stati eseguiti come parte della cosiddetta Dottrina Begin, secondo la quale Israele non permetterà a un Paese ostile (che in realtà è ogni Paese che circonda Israele) di possedere armi nucleari.

Tecnicamente, Israele potrebbe utilizzare per l’attacco lo spazio aereo dell’Arabia Saudita, dal momento che il Paese ha recentemente dato il permesso per questo [genere di cose] in base agli accordi di Abraham. Gli aerei israeliani potrebbero passare anche attraverso il nord dell’Iraq, dove c’è una base dell’aeronautica americana a Erbil.

Il governo regionale curdo ha storicamente stretti legami con Israele, dal momento che Tel Aviv ha sostenuto i curdi dall’inizio della ribellione di Mustafa Barzani nel 1961 e continua a sostenerli fino ad oggi.

Quindi, gli attuali preparativi di Israele potrebbero non essere solo una flessione dei muscoli, ma veri preparativi per un atto di aggressione. E i recenti raid in Siria e Iraq potrebbero anche essere stati fatti per testare i sistemi di difesa aerea, la situazione in generale e la reazione di altri Paesi.

In vista delle elezioni alla Knesset

previste per il 25 marzo, un attacco potrebbe essere utilizzato anche come parte di una campagna elettorale in Israele.

Per quanto riguarda l’Iran, [a Teheran] si aspettano che gli Stati Uniti tornino all’accordo sul programma nucleare nella forma in cui sono stati raggiunti gli accordi e che revochino sanzioni e restrizioni.

A gennaio, i funzionari della Repubblica islamica dell’Iran hanno anche annunciato di aver iniziato ad arricchire l’uranio fino al 20%, sebbene questo sia solo un piccolo passo in un processo tecnico complesso e lungo, se si parla di creare armi nucleari. È stato anche affermato che agli ispettori dell’AIEA non sarà consentito l’accesso agli impianti nucleari del Paese a partire dalla fine di febbraio, se le richieste dell’Iran non saranno soddisfatte.

 

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

 

Leggi anche:

Israele prepara l’annessione della Cisgiordania

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

Quasi tre milioni di europei senza riscaldamento nell’era del green deal

Quasi tre milioni di lavoratori europei senza riscaldamento. È questa la situazione secondo la Confederazione …