Home / Affari di Palazzo / Esteri / Il coronavirus e la mutazione genetica di Trump

Il coronavirus e la mutazione genetica di Trump

Condividi quest'articolo su -->

Per quanto riguarda la riduzione della diffusione del virus Corona, la prima domanda negli Stati Uniti è l’impatto del virus sulle elezioni presidenziali del 2020 e in che misura i resti del Covid19 possono essere la causa della sconfitta di Trump o della sua vittoria nelle prossime elezioni.

di Mohammad Ghaderi

È chiaro che il coronavirus ha influenzato le elezioni del 2020 ed ha persino causato una mutazione genetica a Trump, poiché il sonnolento e stupido Joe Biden è stato descritto come un uomo calmo e buono dopo una conversazione telefonica con Trump. Anche chi fino a ieri credeva che il coronavirus non avrebbe causato molti problemi negli Stati Uniti, oggi ammette che si impara molto da questo nemico intelligente ed invisibile.

Trump sta anche rispondendo ai suoi rivali Democratici e ai suoi partner stranieri nel labirinto del coronavirus e alla pressione dei media dei Democratici. La sua risposta a Hillary Clinton, che ha affermato che la Russia vuole rieleggere il nostro prossimo presidente, ha costretto Trump, nonostante abbia espresso il suo amore per la Russia e persino lo stesso Putin, per la prima volta ad una mossa senza precedenti dichiarando terroristico un gruppo estremista filo-russo che crede nella supremazia della razza bianca e che si è rivelato influente nelle elezioni statunitensi.

Trump, che si considera il vincitore nel regno pandemico del coronavirus nel campo della salute nazionale, per vincere le elezioni sta cercando di instillare nell’opinione pubblica la politica di aiuto sanitario della Russia.

Anche l’influenza del coronavirus

sull’opinione pubblica americana sulle elezioni può essere prevedibile. I problemi nella vita personale e sociale delle persone potrebbero essere così grandi da dimenticare che Trump è il primo presidente della storia americana a correre per un secondo mandato dopo un processo per impeachment, ma non sarà mai essere dimenticata dall’opinione pubblica l’irresponsabilità di Trump nel suo club in Florida che non ha preso sul serio l’epidemia di Corona.

Le persone negli Stati Uniti sanno che, con la mentalità tipica della prima America e soprattutto con la normalizzazione delle condizioni che portano alla disattenzione, Trump ha sottovalutato il livello di minaccia del virus e ha sempre sottolineato che gli Stati Uniti sono in grado di prevenire e diagnosticare le malattie e fornire assistenza medica con strutture ed attrezzature al primo posto nel mondo ed è fiducioso della capacità del suo governo di preservare la salute americana.

Gli effetti psicologici della morte da coronavirus

sull’opinione pubblica, che ha portato a uno squilibrio tra domanda e offerta e decisioni serie a livello statale e locale, hanno mostrato che le persone non sono interessate alle osservazioni di Trump, che sono state un chiaro esempio di danno alla fiducia pubblica nel governo. Ciò è stato dimostrato dalla crescente domanda di armi, che ha stabilito un record storico nelle relazioni sociali degli Stati Uniti ed ha avvertito che se i problemi economici persistono, ci si aspetta il caos sociale.

Il comportamento sociale ha chiarito all’amministrazione Trump che ha perso l’opportunità di contenere l’epidemia e che il team sanitario della Casa Bianca deve sostituire la propaganda per una pronta strategia di risposta alla salute con la politica di moderazione e quarantena per sradicare il coronavirus.

Le diverse reazioni del governo statunitense e della gente alla fine hanno contrapposto la squadra sanitaria alla squadra economica della Casa Bianca, creando condizioni che hanno costretto la Casa Bianca a scegliere tra salvare l’economia o salvare la gente.

Il grave problema qui

è che la decisione finale della Casa Bianca si basa sul salvataggio dell’economia con quarantene locali a breve termine.

Per salvare l’economia, esiste un piano a lungo termine con un pacchetto da 2.100 miliardi di dollari (senza considerare i profondi effetti a breve termine del coronavirus) che è il più grande pacchetto di compensazione ad alto rischio nella storia americana.

L’impatto del terremoto coronavirus sul governo degli Stati Uniti sta diventando sempre più evidente ogni giorno. Con questo pacchetto di sostegno, la Casa Bianca intende aumentare le speranze del popolo e delle corporations americane prima delle elezioni di aver adottato le misure necessarie per garantire la salute pubblica e proteggere il sistema economico americano.

La Casa Bianca non intende spendere

il pacchetto in aiuti disponibili a breve termine nel settore dei salari per i disoccupati e le persone colpite. La pianificazione è programmata per recuperare l’importo di 4.200 miliardi di dollari (il doppio della quantità di un dato pacchetto) nei prossimi tre anni aumentando il prezzo delle azioni delle società fallite acquistate dal governo, oltre a tassare i lavori da parte del Tesoro degli Stati Uniti. Il pacchetto è destinato a supportare grandi aziende e banche e, nel corso di tre anni, le persone dovranno lavorare sodo e pagare 4.200 miliardi di dollari di tasca propria per compensare i danni alle società e alle grandi banche.

La prima parte dell’iniezione di denaro è in realtà l’acquisto di azioni e debiti di imprese che non hanno molte possibilità di recupero. La seconda parte è l’iniezione di denaro negli individui e nelle famiglie con considerazioni umane e sociali che, se il coronavirus e la recessione continuano, non solo non restituiranno gli aiuti finanziari, ma vedranno aumentare anche i loro bisogni finanziari a causa della continua disoccupazione o della perdita dei loro risparmi.

Parti importanti dell’economia americana

sono in uno stato di stagnazione. Continuando a ridurre i prezzi del petrolio o a stabilizzare i prezzi del petrolio a 40 o addirittura 50 dollari al barile, le principali industrie statunitensi in vari settori (tra cui l’industria aeronautica e aeronautica, l’industria del turismo, l’industria petrolifera e del gas, l’industria delle armi, l’industria automobilistica e anche l’industria alimentare che dipendono tutte dalle entrate petrolifere dei Paesi produttori di petrolio) dovranno affrontare una grave recessione a causa del forte calo delle entrate petrolifere.

Nella crisi economica del 2008, il governo degli Stati Uniti ha acquistato titoli falliti e ha rilanciato la maggior parte delle principali società e banche, come General Motors, General Electric, Chase Morgan Bank e Bank of America. Sebbene questo pacchetto sia una ripetizione del 2008, è sostanzialmente diverso. Nella recessione del 2008, l’unico problema era il problema economico, ma oggi il problema dei costi associati al mantenimento e al ripristino della salute per il popolo americano richiede pacchetti finanziari e di sostegno superiori agli importi forniti.

Allo stesso tempo

sembra improbabile che i Paesi europei e l’Arabia Saudita, che in quegli anni hanno fornito le loro risorse finanziarie ed economiche all’economia americana senza esitazione, ora accettino il rischio di una ripresa economica degli Stati Uniti. Anche se accettassero di correre un rischio simile, non è chiaro se disporranno delle capacità politiche ed economiche necessarie sotto l’influenza del danno da coronavirus. La convinzione del successo di questo pacchetto da 2100 miliardi con circa 7 milioni di disoccupati e le dimissioni di oltre 2.000 dirigenti di grandi aziende è lungi dall’aspettarsi.

Se il coronavirus mette l’economia americana in recessione, con una rapida contaminazione, la recessione sposterà i suoi effetti sui principali settori economici e politici in altre parti degli Stati Uniti e in tutto il mondo e spingerà il sistema internazionale a conflitti tra Paesi ed imporrà i suoi effetti distruttivi sulla stabilità globale e sui meccanismi internazionali in cui gli Stati Uniti hanno molta influenza su di essi.

Negli Stati Uniti, le elezioni del 2020 si terranno tra sei mesi. Se Trump non ripristina la fiducia del pubblico e supera l’economia semi-chiusa e la crescente disoccupazione e anche le turbolenze dell’ordine globale, il mondo affronterà il multilateralismo basato sulla cooperazione reciproca e imporrà condizioni che modelleranno la fene della leadership globale degli Stati Uniti e dell’egemonia globale.

 

Traduzione di Costantino Ceoldo

 

Leggi anche:

Putin, Trump e la battaglia per il nuovo ordine mondiale

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

Shock in Francia: repressioni violente della polizia e leggi contro la libertà di espressione

La violenza inaudita con la quale la polizia in Francia ha gestito la protesta pacifica …