Home / Affari di Palazzo / Esteri / Gli Ottomani ci provano

Gli Ottomani ci provano

Poche ore fa la Turchia ha minacciato la Siria a causa dell’invio di truppe governative di Assad in quel di Afrin su “pressante” richiesta delle “autorità” curde, timorose di essere spazzate via dal secondo esercito della Nato, ossia quello di Ankara.

Il rischio non è di poco conto. Attualmente Erdogan, che dichiara che nessuno può fermare le forze turche ad Afrin, si può permettere interventi militari di peso, mentre Assad subisce attacchi esterni da più parti e le valorose truppe siriane (con alleati) corrono a destra e sinistra per tamponare e, tutto sommato, riconquistare terreno. L’esercito siriano è inoltre provato dalle perdite, in munizioni e soldati, conseguenti all’invasione del Califfato.

Ancorché sconfitto dopo una guerra di anni che si è trascinata alle porte della casa del presidente Assad, l’Isis non è scomparso. La formazione del fu Al Baghdadi, infatti, si ripropone sullo scenario della guerriglia con sacche di resistenza che vanno riformandosi di quando in quando, distraendo l’esercito governativo dalle inveterate di vicini come Israele e, appunto, la Turchia. Si veda il recente raid israeliano a Damasco, che curiosamente non ha suscitato lo sdegno della Comunità internazionale.

Non si può giudicare se sia una scelta saggia aiutare i curdi, sedotti ed abbandonati dai protettori americani che, grazie a loro, hanno posizionato basi militari in Siria, in evidentente violazione di tutte le norme del diritto internazionale.

Vedremo cosa accadrà, mentre il conflitto rischia ogni giorno di deflagrare ed i media anche in Italia lo ignorano volutamente perché curdi e “ribelli”, spesso dolci protetti di certi media globalisti, le stanno buscando…

Una cosa resta tuttavia incontrovertibile: Afrin (e tutto il resto del paese occupato da terroristi) è territorio siriano ed è compito di Damasco quello di tenerlo sotto controllo. Non certo di Ankara, né, tantomeno, di Washington.

@V_Mannello

Cerca ancora

Salvini, gli Hezbollah e i veri terroristi di Strasburgo

C’è una linea sottile, a tratti invisibile, che lega la visita del vicepremier italiano Matteo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 3 =