Home / Affari di Palazzo / Esteri / Che cos’è il MEK, il movimento terroristico iraniano legato alla CIA

Che cos’è il MEK, il movimento terroristico iraniano legato alla CIA

Condividi quest'articolo su -->

L’intervista con il prof. Tim Anderson

Mojahedin-e Khalq è il nome di un’organizzazione terroristica; questa setta ha commesso molti crimini nella sua vita oscura, come l’assassinio di migliaia di iraniani, curdi e americani. Ne parliamo con il professor Tim Anderson, professore dell’Università di Sydney, scrittore, ricercatore e attivista antimperialista.

di Alireza Niknam

Ecco la trascrizione completa dell’intervista:

D) Secondo le notizie sulla cooperazione del MEK con agenzie di spionaggio come il Mossad e la CIA nella creazione di violenza e terrore in Iran, nonché la loro cooperazione con l’ISIS nella guerra con la Siria, come valuta la natura del MEK a questo proposito?

Negli anni ’70 il MEK partecipò al movimento anti-Shah, ma poi si ritirò rapidamente dalla Repubblica islamica e cercò rifugio con Saddam Hussein in Iraq. In quella collaborazione [i membri del MEK] tradirono così gravemente l’Iran che tagliarono ogni possibilità di ritorno e divennero un culto violento e segreto in esilio, in grado di sopravvivere solo attraverso accordi con sponsor stranieri.

Il terrorismo del MEK durante la guerra Iran-Iraq non sarà dimenticato dagli iraniani con un senso della Storia. Ad esempio, il governo degli Stati Uniti conferma che nel 1981 il MEK “ha fatto esplodere le bombe nella sede principale del Partito della Repubblica islamica e nell’ufficio del Premier, uccidendo circa 70 funzionari iraniani di alto rango, tra cui il capo della giustizia Ayatollah Mohammad Beheshti, il presidente Mohammad-Ali Rajaei e il Premier Mohammad-Javad Bahonar”. Più tardi, durante quella guerra, Saddam Hussein “armò il MEK di equipaggiamento militare e lo mandò in azione contro le forze iraniane” (US Dept State 2006). Gli attuali sponsor ammettono che il MEK ha attaccato i volontari che stavano difendendo la nazione iraniana.

D) Il MEK in Albania sta cercando di influenzare le autorità albanesi per sviluppare i propri obiettivi in ​​quel Paese, in modo che ora gli albanesi non possono nemmeno parlarne a sfavore, come la storia della denuncia di George Thanasi che è sconvolto dalla presenza di un gruppo terroristico nel proprio Paese e ne ha rivelato il vero volto terroristico al mondo e, a causa dell’influenza del MEK nella magistratura albanese, non è ancora riuscito a risolvere la sua denuncia contro il MEK. Il popolo albanese non è forse quello che si fa più del male nell’ospitare Mujahedin-e Khalq?

Come in tutti questi casi, non dovremmo incolpare il popolo albanese ma piuttosto il regime albanese, che cerca di ingraziarsi Washington (ed ottenere fondi dai burattini di Washington, come il regime dei Saud) ospitando sia il MEK che DAESH. Certamente ciò causerà problemi al popolo albanese, perché un gruppo terroristico a cui si offre riparo non può essere completamente controllato. Si osserverà un certo grado di caos nel loro territorio che li ospita.

Il giornalista investigativo Gjergji Thanasi ha esposto le attività del MEK in Albania, sottolineando che non pagano tasse e hanno contribuito a portare le famiglie di DAESH nel Paese. Le attività del MEK sono state anche denunciate da Olsi Jazexhi, direttore del Free Media Institute di Tirana. I deputati albanesi si sono successivamente incontrati per discutere della minaccia MEK a casa (Reporter UE 2018). Thanasi e altri hanno poi indicato che il MEK rappresenta anche una minaccia per la salute pubblica del Paese, poiché i suoi campi non sono soggetti a misure sanitarie nazionali (Khodabandeh 2020).

D) Il MEK parla di diritti umani mentre ha violato quasi tutte le leggi sui diritti umani, dal divorzio forzato dei membri, la separazione dei bambini dalle famiglie ed il loro invio in Europa alla rimozione dell’utero di alcune donne che erano vicine al capo dell’organizzazione, al torturare e imprigionare i membri che sono critici e insoddisfatti della leadership dell’organizzazione: sono tutti una grave violazione dei diritti umani. Ci si può aspettare che l’organizzazione Mujahedin-e Khalq rivendichi i diritti umani con questi atti disumani che stanno accadendo ai suoi membri?

La repressione interna del gruppo può essere meglio compresa quando abbiamo realizzato che si tratta di un gruppo di esiliati isolato da qualsiasi base reale nella società iraniana ed in grado di operare e guadagnare fondi solo attraverso il suo terrorismo e propaganda, su richiesta dei suoi sponsor stranieri.

Quindi, mentre alti funzionari dell’UE e degli Stati Uniti (recentemente Rudolph Giuliani e John Bolton) visitano i loro campi in Albania per parlare di “libertà”, i disertori raccontano di torture e sterilizzazione forzata dei membri (Hussain e Cole 2020). Naturalmente non sono in grado di parlare in modo credibile di “diritti umani”, considerando la loro repressione interna e il terrorismo esterno.

D) Il MEK è terrorizzato dal fatto che qualcuno possa entrare nel suo campo, ha picchiato duramente i giornalisti che volevano coprire il campo per le principali agenzie di stampa del mondo, come Lindsay Hillsum, il reporter di Channel 4 del Regno Unito e altri giornalisti. Perché questa paura per i giornalisti? Stanno cercando di nascondere qualcosa o vogliono nascondere i fatti delle violazioni dei diritti umani all’interno del campo in modo che le persone non conoscano la loro vera natura?

Naturalmente la leadership del MEK vuole nascondere il malcontento nei suoi stessi ranghi. Si ricordi che la maggior parte dei suoi giovani non sono nati in Iran o non hanno memoria del paese contro il quale sono ora incaricati di opporsi violentemente. Molti potrebbero persino chiedersi se sono iraniani, essendo cresciuti in Iraq e in Europa. Il gruppo ha una crisi esistenziale e identitaria e nessuna somma di denaro saudita e straniero in visita può nasconderlo.

D) Il MEK, che si autodefinisce un gruppo democratico, ha assassinato 12.000 persone solo in Iran, tra cui molte donne, bambini e persone comuni e persino molti membri di questo gruppo sono stati assassinati dai membri centrali dell’organizzazione. Sono stati uccisi per aver criticato o essersi separati dall’organizzazione. Ora, questo gruppo può rivendicare la democrazia con questi atti terroristici e settari?

Un serio analista considera il MEK come democratico e questo include molti [analisti] tra i ranghi dei loro sponsor statunitensi. Un parlare schietto tra ex funzionari statunitensi è molto diffuso, in parte a causa del fatto che il MEK dal 1997 al 2012 era un gruppo terroristico nelle liste degli Stati Uniti. Eppure, prima e dopo il 2012, gli ex funzionari statunitensi affermano la stessa cosa: il MEK ha da poco a nessun sostegno all’interno dell’Iran ed è detestato dal popolo iraniano, compresi gli iraniani-americani.

Ad esempio, un rapporto del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti del 1994 affermava che “evitati dalla maggior parte degli iraniani e fondamentalmente non democratici, i Mojahedin-e Khalq non sono una valida alternativa all’attuale governo iraniano” (Shermen 1994). Anche un sondaggio del 2018 tra gli iraniani americani ha mostrato solo il 6% di sostegno al MEK come “alternativa legittima” all’attuale governo.

L’anno precedente un sondaggio di americani iraniani dello stesso gruppo ha mostrato che solo il 7% aveva una visione favorevole di Maryam Rajavi, leader del MEK (Mehr 2019). Spiegando questo nel 2019, l’ex vice assistente al Segretario di Stato americano, John Limbert, ha scritto che “gli iraniani americani… conoscevano bene il gruppo e lo detestavano. Conoscevano la sua storia omicida in Iran” (Mehr 2019). Tutto ciò prima che arriviamo agli iraniani che vivono in Iran.

D) All’inizio della guerra del partito Ba’ath iracheno contro l’Iran, il MEK si unì a Saddam combattendo contro il popolo del proprio paese ed uccidendo molti iraniani. Il popolo iraniano considera questo gruppo come traditore e mercenario e lo odia fortemente ed anche altri gruppi di opposizione lo odiano e lo evitano. Se il suo obiettivo è guadagnare potere in Iran, secondo lei, questo gruppo ha un futuro in Iran con un record di tradimento contro il proprio popolo e senza alcun posto sociale tra il popolo iraniano?

Per le ragioni sopra esposte, il MEK non ha futuro in Iran. Non ha una base reale, essendo stato tagliato fuori dal paese per quattro decenni. Come affermano persino la Rand Corporation americana e l’American Enterprise Institute, il MEK è noto in Iran solo per il suo tradimento e la sua collaborazione contro l’Iran con Saddam Hussein e potenze straniere.

Un rapporto del 2009 per la Rand Corporation concludeva: “la maggior parte dei ranghi del MEK non sono né terroristi né combattenti per la libertà, ma persone intrappolate e sottoposte al lavaggio del cervello che sarebbero disposte a tornare in Iran se fossero separate dalla leadership del MEK. Molti membri sono stati attirati in Iraq da altri paesi con false promesse, solo per avere i loro passaporti confiscati dalla leadership del MEK, che usa abusi fisici, prigionia ed altri metodi per impedire loro di partire” (Goulka, Hansell, Wilke e Larson 2009).

L’ex analista della Rand Corporation Jeremiah Goulka ha spiegato “una volta, il MEK godeva di una certa dose di sostegno popolare in Iran … [ma è diventato] un gruppo di culto che non porterà la democrazia in Iran e non ha alcun sostegno popolare nel paese” (Goulka 2012). Quindi, mentre in passato l’Iran ha offerto l’amnistia per classificare e archiviare i membri del MEK che sono iraniani, il MEK come gruppo politico non ha futuro nel paese.

D) All’inizio della sua fondazione, questo gruppo iniziò con slogan antimperialisti e arrivò al punto di assassinare 6 funzionari e cittadini americani in Iran. Come mai questo gruppo è ora tra le braccia amorevoli degli Stati Uniti e gli Stati Uniti si fidano di questo gruppo che ha ucciso cittadini americani e cantato slogan anti-americani?

Il trattamento del gruppo da parte di Washington è cinico. I responsabili politici statunitensi sanno benissimo che non ha futuro in Iran, ma vedono il gruppo come uno strumento che può essere utilizzato per destabilizzare e diffondere disinformazione – come affermazioni infondate e selvaggiamente esagerate sulla povertà e sulle morti da COVID19 in Iran. Dopo che gli Stati Uniti si rivoltarono contro Saddam Hussein, le fortune e il ruolo del MEK in Iraq cambiarono.

Le forze statunitensi hanno disarmato e protetto il gruppo dopo la brutale invasione dell’Iraq (il MEK non ha offerto resistenza) e da allora gli Stati Uniti sono rimasti il ​​suo principale sponsor e protettore (Scott 2012). Quando l’amministrazione Obama lo ha rimosso dalla lista dei terroristi statunitensi nel 2012, questo è stato fatto con la speranza che il gruppo ora di denuncia possa essere usato contro la Repubblica islamica, che è la principale sostenitrice delle lotte per l’indipendenza nella regione (in Palestina, Libano, Siria, Iraq e, più tardi, Yemen).

Paul Pillar, accademico ed ex analista della CIA, afferma, contrariamente a quanto affermato dall’amministrazione Obama nel 2012, che “il MEK è certamente stato coinvolto in una violenza politica letale dal 2009”, ma ciò non preoccupa Washington. In effetti, a Washington dirigono la violenza del MEK contro l’Iran. La politica del regime di Trump “consiste nell’usare tutti i mezzi disponibili per ferire ed esercitare pressioni sull’Iran, pur prestando poca attenzione alla natura dei mezzi utilizzati… se il MEK si oppone all’attuale ordine politico di Teheran, è tutto ciò che conta per l’amministrazione Trump”, ha affermato Pillar.

I fondi per il MEK provengono dai “rivali regionali dell’Iran”. (Heirannia 2018). I funzionari iraniani hanno chiarito che questo significa Arabia Saudita, la principale fonte di fondi e armi per il terrorismo nell’intera regione dell’Asia occidentale.

 

 

Leggi anche:

In Iran misteriose esplosioni nelle strutture militari: c’è la mano israeliana dietro?

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

Live action di Mulan: un abbordaggio Disney alla Cina?

La nuova raggelante opera in stile live action della Disney è Mulan. Un riadattamento che, …